20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

Alcuni alimenti a base vegetale sono migliori di altri per ridurre il rischio di diabete?

Da asporto chiave

  • Le diete a base vegetale sono affiliate a un ridotto rischio di diabete di tipo 2.
  • Nuovi dati suggeriscono che seguire una dieta nutriente a base vegetale è legata a una riduzione del rischio di diabete di tipo 2, mentre una dieta malsana potrebbe non offrire lo stesso beneficio.
  • Gli esperti affermano che etichettare alcuni alimenti a base vegetale come “malsani” potrebbe non essere utile a lungo termine.

Un nuovo studio ha scoperto che mangiare cibi nutrienti a base vegetale può mitigare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I dati passati hanno dimostrato che seguire in gran parte una dieta a base vegetale sembra essere collegato a un ridotto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Tuttavia, questo nuovo studio ha esplorato se alcuni alimenti a base vegetale sono migliori di altri per mitigare il rischio di diabete di tipo 2.

Per fare ciò, i ricercatori hanno esaminato la presenza di alcuni profili di metaboliti plasmatici correlati alle diete a base vegetale. Lo studio è stato pubblicato in Diabetologia.

Cos’è un metabolita?

Un metabolita è una sostanza che embrace composti presenti negli alimenti che mangiamo. Sono prodotti da processi chimici nei nostri corpi. I metaboliti presenti nel plasma di una persona dovrebbero riflettere i modelli dietetici di una persona.

Alimenti di origine vegetale e rischio di diabete

Sappiamo già che mangiare più cibi a base vegetale può aiutare a mitigare il rischio di diabete.

Ma i ricercatori hanno scavato più a fondo e utilizzato i dati per misurare i metaboliti plasmatici di 10.684 partecipanti. Dopo aver stabilito l’aderenza a una dieta a base vegetale, i ricercatori hanno identificato i multimetaboliti e alla superb hanno valutato le associazioni tra loro e il diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno anche classificato le diete a base vegetale come “sane” e “malsane”, in base alla quantità di determinati alimenti che le persone hanno mangiato. I cibi vegetali malsani includevano scelte come:

  • Grani raffinati
  • Succhi di frutta
  • Patate
  • Bevande zuccherate
  • Dolci/dolci

Cibi sani inclusi:

  • Cereali integrali
  • Frutta
  • La verdura
  • Noccioline
  • Legumi

I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno sviluppato il diabete di tipo 2 avevano maggiori probabilità di mangiare una quantità inferiore di alimenti a base vegetale. Inoltre, questo gruppo aveva un BMI medio più alto, period più probabile che avesse la pressione sanguigna e livelli di colesterolo elevati, usava farmaci per la pressione sanguigna e il colesterolo, aveva una storia familiare di diabete ed period meno attivo fisicamente.

Mangiare cibi “più sani” a base vegetale period collegato a un minor rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Analizzando i metaboliti plasmatici, i risultati hanno mostrato che i livelli differivano in base al fatto che le persone mangiassero cibi “sani” o “malsani” a base vegetale. Coloro che avevano profili che riflettevano una dieta sana a base vegetale e una dieta a base vegetale in generale avevano un rischio ridotto di diabete di tipo 2, indipendentemente dal BMI o da altri fattori di rischio. Tuttavia, lo stesso effetto non è stato riscontrato tra quelli con una dieta a base vegetale malsana.

Quando i ricercatori hanno valutato i dati dopo l’aggiustamento per alcuni metaboliti che sono unici per determinati alimenti a base vegetale “sani”, l’associazione tra diete a base vegetale e diabete di tipo 2 non period forte, suggerendo che alcuni composti trovati in cibi “sani” a base vegetale gli alimenti possono avere un grande impatto sulla riduzione complessiva del rischio di diabete di tipo 2.

“I singoli metaboliti derivanti dal consumo di alimenti vegetali ricchi di polifenoli come frutta, verdura, caffè e legumi sono tutti strettamente legati a una dieta sana a base vegetale e a un minor rischio di diabete”, Frank Hu, MD, PhD, MPH, professore di medicina alla Harvard Medical College, condirettore del Program in Weight problems Epidemiology and Prevention presso la Harvard College of Public Well being e uno degli autori dello studio, ha affermato in un comunicato stampa.

Cosa significa per te

Se vuoi ridurre il rischio di diabete di tipo 2, l’introduzione di più alimenti a base vegetale nella tua dieta può essere un buon primo passo.

In che modo le persone possono ridurre il rischio di diabete di tipo 2?

Seguire una dieta nutriente a base vegetale potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Ma, come ha detto a Verywell Christine Byrne, MPH, RD, LDN, dietista di uno studio privato non dietetico con sede nella Carolina del Nord, “una cosa da tenere a mente su questo studio e su qualsiasi studio che misuri l’associazione tra dieta e rischio di malattie croniche , è che il cibo non è l’unico fattore che determina la salute”.

“I tassi di diabete di tipo 2 sono molto più alti tra le popolazioni a basso reddito rispetto a quelle advert alto reddito e questo divario continua advert aumentare”, ha aggiunto. “Non è una novità che i ‘cibi vegetali sani’ descritti in questo studio siano nutrienti e possano aiutare a ridurre il rischio di malattie croniche, ma mangiare questi alimenti tutto il tempo non è realistico per molte persone”.

Alcuni alimenti classificati come “malsani” hanno dati che mostrano che possono far parte di una dieta che riduce il rischio di diabete.

Advert esempio, nello studio, la pasta è considerata un carboidrato raffinato ed è, quindi, un alimento considerato un alimento vegetale “malsano”. Ma altri studi hanno scoperto che la pasta può far parte di una dieta amica del diabete.

Il succo è un altro alimento considerato dagli autori dello studio un alimento a base vegetale “malsano”. Tuttavia, appoggiarsi al succo di frutta al 100% può aiutare le persone a soddisfare le porzioni raccomandate di prodotti e può aiutare a colmare le lacune nutrizionali. Studi precedenti non hanno scoperto che bere succo di frutta al 100% abbia un impatto sui livelli di zucchero nel sangue.

Raggruppare cibi come succo d’arancia al 100% e pasta di semola con cibi advert alto indice glicemico come dessert e bevande zuccherate ed etichettarli tutti come “malsani” può inviare un messaggio alle persone che mangiare cibi accessibili, convenienti e ricchi di nutrienti dovrebbe essere evitato. Sulla base di questi dati, non è chiaro se mangiare tutti questi alimenti etichettati come cibi vegetali “malsani” aumenti il ​​rischio di diabete o se sia il risultato del consumo di determinati alimenti noti per svolgere un ruolo nella progressione del diabete, come caramelle, dessert e bevande zuccherate.

“È difficile trarre conclusioni da questo particolare studio poiché i dati sono limitati”, ha aggiunto Byrne. “I ricercatori hanno preso i punteggi del profilo dei metaboliti tramite campioni di sangue negli anni ’80 e ’90, quindi hanno utilizzato registrazioni alimentari auto-riferite per misurare ciò che i partecipanti hanno mangiato nel corso di diversi decenni. Questo tipo di dati può essere un buon modo per cercare modelli, ma non è abbastanza accurato da cui trarre conclusioni”.

Anche se non esiste una bacchetta magica per prevenire il diabete di tipo 2, Mary Elena Phipps, MPH, RDN, LD, proprietario e nutrizionista dietista registrato presso Milk & Honey Vitamin, LLC, hanno condiviso che ci sono alcuni passi che le persone possono adottare per ridurre il rischio, tra cui:

  • Muoviti di più e riduci i comportamenti sedentari
  • Smettere di fumare
  • Mangia più fibre. Obiettivo per 30–40 g/giorno
  • Dai la priorità alle proteine ​​ai pasti.

Come suggeriscono molti studi, mangiare più piante è un passo positivo quando ci si concentra sulla riduzione del rischio di diabete, soprattutto quando la dieta è ricca di cibi ricchi di nutrienti come frutta, verdura e noci.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati