12.7 C
Italia
sabato, Settembre 24, 2022

Cibo e bevande stanno diventando più dolci. Anche se non è tutto zucchero, fa male alla nostra salute

Gli esseri umani hanno una preferenza evolutiva per la dolcezza. I cibi dolci, come la frutta e il miele, erano un’importante fonte di energia per i nostri antenati.

Tuttavia, nel mondo moderno, gli alimenti zuccherati sono prontamente disponibili, molto economici e ampiamente pubblicizzati. Ora, stiamo consumando troppo zucchero negli alimenti e nelle bevande, il tipo che viene aggiunto anziché lo zucchero presente in natura. Consumare troppo zucchero aggiunto è una cattiva notizia per la salute. È legato all’obesità, al diabete di tipo 2 e alla carie.

A causa di questi problemi di salute, i produttori hanno iniziato a utilizzare dolcificanti non nutritivi anche per addolcire il cibo. Questi dolcificanti contengono pochi o nessun kilojoule e includono sia dolcificanti artificiali, come l’aspartame, sia quelli che provengono da fonti naturali, come la stevia.

La nostra ricerca, pubblicata oggi, mostra che la quantità di zuccheri aggiunti e di dolcificanti non nutritivi negli alimenti e nelle bevande confezionati è cresciuta molto nell’ultimo decennio. Ciò è particolarmente vero nei paesi a reddito medio, come Cina e India, nonché nell’Asia del Pacifico, compresa l’Australia.

Dai lecca-lecca ai biscotti alle bevande

Utilizzando i dati sulle vendite di mercato di tutto il mondo, abbiamo esaminato la quantità di zuccheri aggiunti e di dolcificanti non nutritivi venduti negli alimenti e nelle bevande confezionati dal 2007 al 2019.

Abbiamo riscontrato che i volumi professional capite di dolcificanti non nutritivi nelle bevande sono ora del 36% più alti a livello globale. Gli zuccheri aggiunti negli alimenti confezionati sono superiori del 9%.

I dolcificanti non nutritivi sono più comunemente aggiunti ai dolciumi. Gelati e biscotti dolci sono le categorie di alimenti in più rapida crescita in termini di questi dolcificanti. L’uso crescente di zuccheri aggiunti e altri dolcificanti nell’ultimo decennio significa, nel complesso, che la nostra fornitura di cibo confezionato sta diventando più dolce.

La nostra analisi mostra che la quantità di zucchero aggiunto utilizzato per addolcire le bevande è aumentata a livello globale. Tuttavia, ciò è ampiamente spiegato da un aumento del 50% nei paesi a reddito medio, come Cina e India. L’uso è diminuito nei paesi advert alto reddito, come l’Australia e gli Stati Uniti.

I gelati sono tra gli alimenti che aumentano di dolcezza più velocemente. (Megan Betteridge/Shutterstock)

Si raccomanda agli uomini di consumare meno di nove cucchiaini di zucchero al giorno, mentre le donne dovrebbero averne meno di sei. Tuttavia, poiché lo zucchero viene aggiunto a così tanti cibi e bevande, oltre la metà degli australiani supera le raccomandazioni, mangiando in media 14 cucchiaini al giorno.

Il passaggio dall’uso di zucchero aggiunto ai dolcificanti per addolcire le bevande è più comune nelle bibite gassate e nell’acqua in bottiglia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta sviluppando linee guida sull’uso di dolcificanti non zuccherini.

Foto di Epoch Times
Le bevande etichettate come “senza zucchero” potrebbero sembrare più salutari, anche se non lo sono. ((L) (Posta di Washington | Fb); (R) (Enterprise Insider | Fb))

Paesi ricchi e poveri

C’è una differenza nell’uso di zuccheri aggiunti e dolcificanti tra i paesi più ricchi e quelli più poveri. Il mercato degli alimenti e delle bevande confezionati nei paesi advert alto reddito è diventato saturo. Per continuare a crescere, le grandi aziende del settore alimentare e delle bevande si stanno espandendo nei paesi a reddito medio.

I nostri risultati dimostrano un doppio customary nell’addolcimento dell’approvvigionamento alimentare, con i produttori che forniscono prodotti meno dolci e “più sani” nei paesi più ricchi.

Foto di Epoch Times
Lo zucchero aggiunto è dannoso, ma le regole per eliminarlo possono avere conseguenze indesiderate.

Conseguenze impreviste del controllo

Per ridurre i danni alla salute derivanti da un’elevata assunzione di zucchero aggiunto, molti governi hanno agito per frenarne l’uso e il consumo. Le tasse sullo zucchero, le campagne educative, le restrizioni alla pubblicità e l’etichettatura sono tra queste misure.

Ma tali azioni possono incoraggiare i produttori a sostituire parzialmente o completamente lo zucchero con dolcificanti non nutritivi per evitare sanzioni o soddisfare l’evoluzione delle preferenze della popolazione.

Nel nostro studio, abbiamo riscontrato che le regioni con un numero maggiore di azioni politiche per ridurre l’assunzione di zucchero hanno avuto un aumento significativo dei dolcificanti non nutritivi venduti nelle bevande.

Perché è un problema

Mentre i danni del consumo di troppo zucchero aggiunto sono ben noti, fare affidamento su dolcificanti non nutritivi come soluzione comporta anche dei rischi. Nonostante la loro mancanza di energia nella dieta, recensioni recenti suggeriscono che il consumo di dolcificanti non nutritivi può essere collegato al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiache e può interrompere il microbioma intestinale.

E poiché sono dolci, l’ingestione di dolcificanti non nutritivi influenza i nostri palati e ci incoraggia a desiderare cibi più dolci. Questo è particolarmente preoccupante per i bambini, che stanno ancora sviluppando le loro preferenze di gusto per tutta la vita. Inoltre, alcuni dolcificanti non nutritivi sono considerati contaminanti ambientali e non vengono rimossi efficacemente dalle acque reflue.

I dolcificanti non nutritivi si trovano solo negli alimenti ultra-lavorati. Questi alimenti sono prodotti industrialmente, contengono ingredienti che non troveresti in una cucina casalinga e sono progettati per essere “iper-appetibili”. Mangiare più cibi ultra-elaborati è collegato a più malattie cardiache, diabete di tipo 2, cancro e morte.

Gli alimenti ultra-lavorati sono anche dannosi per l’ambiente perché utilizzano risorse significative come energia, acqua, materiali di imballaggio e rifiuti di plastica.

Gli alimenti che contengono dolcificanti possono ricevere un “alone di salute” se non contengono zucchero, fuorviando il pubblico e potenzialmente sostituendo cibi integrali e nutrienti nella dieta.

Foto di Epoch Times
I dolcificanti non nutritivi possono includere quelli di origine artificiale e naturale. (Foto AP/Winslow Townson)

Concentrati sulla nutrizione

Quando si formulano politiche per migliorare la nutrizione della salute pubblica, è importante considerare le conseguenze non intenzionali. Piuttosto che concentrarsi su nutrienti specifici, è opportuno sostenere una politica che consideri gli aspetti più ampi del cibo, tra cui l’importanza culturale, il livello di lavorazione e l’impatto ambientale. Story politica dovrebbe promuovere alimenti nutrienti e minimamente trasformati.

Dobbiamo monitorare da vicino la crescente dolcezza di cibi e bevande e il crescente utilizzo di zuccheri aggiunti ed edulcoranti non nutritivi. È probabile che plasmi le nostre future preferenze di gusto, scelte alimentari e salute umana e planetaria.La conversazione

Cherie Russell, dottoranda, Università Deakin; Carley Grimes, docente senior di nutrizione della popolazione, Università Deakin; Mark Lawrence, Professore di Salute Pubblica Nutrizione, Istituto per l’Attività Fisica e la Nutrizione, Università Deakin; Phillip Baker, ricercatore, Institute for Bodily Exercise and Diet, Deakin College, Università Deakine Rebecca Lindberg, ricercatrice post-dottorato, Università DeakinQuesto articolo è stato ripubblicato da The Dialog con licenza Inventive Commons. Leggi l’articolo originale.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati