20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

Il banco alimentare di Toronto apre le porte per la prima volta dall’inizio della pandemia

Un banco alimentare locale di Toronto programmato per aprire i battenti martedì per la prima volta dall’inizio della pandemia lo ha quasi fatto con gli scaffali vuoti fino a quando la comunità, incluso un consigliere comunale, si è mobilitata per aiutare.

La Fort York Meals Financial institution, situata vicino alle strade del School e di Bathurst, ha gestito programmi di consegna e distribuito sacchetti della spesa preconfezionati ai clienti negli ultimi due anni. Il 26 aprile, consentiranno ancora una volta ai clienti di entrare nel loro stabilimento e scegliere gli articoli di cui hanno bisogno.

Ma questo grande piano di riapertura della pandemia è stato quasi sospeso quando domenica il personale si è reso conto di non avere molte cose di base.

“Non avevamo pasta, salsa di pasta, riso, fagioli, verdure in scatola, carne in scatola, tonno, niente da mettere sugli scaffali per domani mattina”, ha detto a CTV Julie Lejeune, direttore esecutivo del banco alimentare Notizie Toronto.

La mancanza di approvvigionamento è dovuta a una crescente domanda per il banco alimentare, ha affermato Lejeune. Sabato scorso le famiglie sono venute a fare la spesa per circa 450 persone, tra cui un gran numero di bambini.

“Ne abbiamo sempre così tanti”, ha detto, dicendo che l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e l’inflazione stanno creando “una tempesta perfetta”.

“Questo sabato è stato particolarmente alto… e abbiamo finito il cibo.”

Lejeune ha rapidamente lanciato un appello sui social media, arruolando persino il loro consigliere comunale per aiutare a diffondere il messaggio: la Fort York Meals Financial institution aveva un disperato bisogno di donazioni.

Mike Layton, consigliere del reparto 11, ha detto a CTV Information Toronto di aver sentito il banco alimentare intorno alle 21:00 del giorno prima ed è stato più che felice di aiutare a incoraggiare i residenti a fare un salto lunedì con donazioni. Si è persino avvicinato al municipio con alcuni oggetti dalla sua dispensa.

“Non puoi fare a meno di sentirti in colpa per il fatto che la gente si presenti e cercherà cibo domani e non avrà nulla”, ha detto.

Ha affermato che, sebbene potrebbero volerci anni per affrontare le questioni sistematiche del motivo per cui l’utilizzo dei banchi alimentari sembra essere in costante aumento, ci sono piccole cose che le persone possono fare per aiutare, inclusa la donazione.

“Hai costi crescenti per l’alloggio, costi crescenti della vita e del cibo, così come i nostri salari non sono stati al passo con il costo della vita in una città come Toronto”, ha detto. “Succede solo che abbiamo un’elezione in arrivo per cui possiamo lottare per questo”.

LeJeune ha affermato che lunedì tra le 15 e le 20 persone si sono fermate al banco alimentare con donazioni, tra cui Layton.

“Siamo davvero grati oggi per il sostegno di tutti”, ha detto. “Apprezzo il fatto che abbiamo avuto questa mini-crisi nelle ultime 12 ore e le persone ci hanno davvero supportato”.

“Anche oggi qualcuno è passato e mi ha detto, che orari hai, quando sei aperto? Sarà la loro prima volta. Ho detto loro che torneranno domani per fare la spesa, ma ogni giorno registriamo nuovi clienti”.

Lejeune ha detto di essere entusiasta di aprire le porte del banco alimentare e che chiunque voglia donare può ancora farlo martedì.



Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati