20.4 C
Italia
venerdì, Ottobre 7, 2022

Il disturbo da alimentazione incontrollata ha preso il sopravvento sulla mia vita

ioNelle profondità del blocco, scherzavo spesso con gli amici sul fatto che fossi dipendente da Deliveroo. Il richiamo del emblem aqua period fin troppo e spesso combattevo il prurito per sfogliare infinite opzioni culinarie che mi aspettavano. Quando la vita period così incerta e il supermercato diventava un posto rischioso, la facilità delle app di consegna del cibo sembrava una fetta di certezza e forniva il consolation tanto necessario.

Nei momenti – il più delle volte – in cui cedevo e facevo un ordine, facevo di tutto e aggiungevo più articoli al carrello virtuale: una pizza media diventava una grande, un hamburger diventava due o tre, io Aggiungerei i lati e un dessert. Non mi sono trattenuto.

Quando arrivava, mi sedevo da solo nella mia digital camera da letto e assaporavo ogni boccone. In quel momento, mi sono sentito al sicuro – anche euforico – e alla high-quality, per un attimo, sazio. Ma il massimo momentaneo precederebbe un minimo schiantato. Una sensazione straziante di vergogna, senso di colpa e odio per me stesso che avevo abbuffato ancora una volta.

A volte, potevo tenere a bada questi sentimenti, nutrendo invece la sensazione di pienezza fisica nella speranza che riempisse il vuoto emotivo. Ma fu sempre di breve durata. Poi tornavo al disprezzo di me stesso e a una dolorosa sensazione di solitudine in un circolo vizioso che mi risucchiava come un’onda anomala e mi sputava fuori.

Come molti di noi, quando il mondo si è fermato a marzo 2020, ho sentito una completa perdita di controllo. Vivendo in una casa condivisa a Londra, isolata dalla famiglia, dagli amici e dal mio compagno a distanza con poco da fare se non lavorare per lunghe ore, fare giri infiniti nel parco e sfogliare instancabilmente il catalogo di Netflix, sono stata costretta advert affrontare i demoni che ho una volta period stato in grado di tenere a bada la monotonia frenetica della vita normale.

Durante quei giorni bui di incertezza, il cibo period il mio conforto più che mai. Ho lottato per mantenere un senso di routine e, a mia volta, le mie giornate sono diventate incentrate sul mio pasto successivo. Ha gettato i semi per un percorso difficile, che sto ancora percorrendo incertamente ora.

Quando potevo finalmente fuggire da Londra e andare a stare con il mio companion, avevo pensato che le mie abitudini si sarebbero raddrizzate. Ma period troppo tardi. La mia inclinazione per le abbuffate period diventata radicata molto prima che il Covid colpisse e ora faceva parte della mia routine quotidiana tanto quanto lavarmi i denti o accedere al mio laptop computer dalla scrivania improvvisata della mia digital camera da letto. Ho usato il cibo come stampella emotiva per tutta la vita, appoggiandomi al cibo spazzatura per conforto durante i periodi di stress. Period uno sfogo che pensavo potesse essere molto peggiore, quindi l’ho liquidato come un piacere colpevole piuttosto che come qualsiasi tipo di problema che doveva essere risolto.

(Getty Photographs)

Quando mi sono reso conto di essere ingrassato durante il blocco, sono passato a una dieta alla moda. L’andirivieni tra abbuffata e dieta è stato un processo che ho attraversato fin dalla prima adolescenza, passando da abitudini alimentari altamente restrittive a un’eccesso di cibo spesso incontrollabile. Dato quanto sia radicata la fobia dei grassi nella società, una dieta restrittiva mi è sembrata molto più normalizzata rispetto alle abbuffate: non conosco nessuna donna che non abbia limitato il proprio mangiare in una forma o nell’altra a un certo punto della loro vita.

Una ricerca di Beat, la principale organizzazione benefica del Regno Unito per i disturbi alimentari, mostra che 1 persona su 50 sperimenterà il disturbo da alimentazione incontrollata (BED) nella propria vita. È più comune dell’anoressia, ma il 47,7% di quelli con BED riferisce di non essere preso sul serio quando cerca un aiuto professionale. Il binge consuming è una malattia isolante avvolta nella vergogna e nella segretezza.

Martha Williams, coordinatrice della consulenza clinica alla Beat, mi cube che “quando qualcuno pensa a un disturbo alimentare, la sua mente va all’immagine di una giovane donna della classe media che è gravemente sottopeso. Questo è totalmente non rappresentativo del quadro reale e respinge le esperienze di altre persone. Ci sono così tante persone che vivono con disturbi alimentari che sono considerati un “peso sano” o che hanno corpi più grandi, ma spesso sono invisibili”.

La modella per taglie forti Tess Holliday è stata aperta sulla sua esperienza con l’anoressia e l’associazione dannosa di disturbi alimentari con corpi magri. “Quando [the doctor] detto anoressia, ho riso”, ha detto Holliday. “Ho pensato: ‘Vedi quanto sono grasso? Non è possibile che quella parola possa mai essere attaccata a qualcuno della mia taglia’”.

Durante la dieta dopo un lungo periodo di abbuffate, ho sperimentato una grave quantità di ansia quando non avevo accesso ai cibi che ero abituato a mangiare; insieme al panico nel decidere cosa mangiare per cena, nel dover andare a fare la spesa in un supermercato o quando si cucina davanti agli altri. All’epoca sembrava irrazionale, ma in realtà rappresentava la battaglia interna tra permettermi di mangiare il cibo che volevo o limitarmi.


Il binge consuming faceva parte della mia routine quotidiana tanto quanto lavarmi i denti o accedere al mio laptop computer dalla scrivania improvvisata della mia digital camera da letto

La vera distinzione in questa rissa psicologica period il fatto che questa risposta period intrinsecamente connessa con un trauma emotivo non guarito che in seguito avrei scovato con un terapeuta. A mia insaputa, il mio cervello aveva imparato advert abbuffarsi per soddisfare un bisogno emotivo che non period stato soddisfatto con altri mezzi. Ero in preda al panico alla prospettiva di perdere la stampella emotiva del cibo.

Williams descrive l’alimentazione disordinata come un “segno di intenso stress emotivo”. Spiega: “Spesso non si tratta del cibo, ma dei sentimenti che ci sono sotto. Se lo pensi come un iceberg, sotto tutta l’acqua hai quei tratti perfezionisti, hai l’ansia, hai esperienze difficili e cose terribili che ti sono successe, e poi hai il morso che tutti gli altri vedono al di sopra dell’acqua, che sono o dipendenze come l’alcolismo o un disturbo alimentare”.

Qualcos’altro che mi ha colpito come diverso dalle esperienze di dieta dei miei amici è stato l’insopportabile senso di vergogna che ho provato quando ho smesso di stare a dieta. Quando alla high-quality sono tornato a Londra, le mie abitudini di isolamento si sono insinuate di nuovo. Peggio ancora, erano diventate ancora più prepotenti a causa della paura paralizzante che provavo quando prendevo decisioni sul cibo e mi sono ritirato ancora di più nell’abbuffarsi. Presto, la mia paura di fare le scelte “sbagliate” riguardo al cibo è diventata così grave che ho smesso del tutto di cucinare. Certi giorni non mangiavo niente tutto il giorno e poi mi abbuffavo di notte quando diventavo abbastanza affamato da cedere. Stavo morendo di fame per il sostentamento fisico, ma anche per il conforto emotivo.

La terapia ha aiutato. Mi sono reso conto che quando mi stavo limitando, la parte di me che faceva affidamento sul mangiare emotivo si sentiva tradita e vergognata dall’thought di abbuffarsi di essere “cattiva”, perché è proprio la cosa che mi ha portato conforto durante le mie ore più buie. Ma la mia strada verso la guarigione non è stata lineare e le mie abbuffate sono peggiorate durante il primo anno di terapia mentre affrontavo la paura che il cibo venisse portato through. Inoltre, arrivare alla radice del trauma emotivo che ha causato l’abbuffata è stato difficile, e quindi il conforto – che cercavo dal cibo – period più che mai necessario.

Questa è stata una parte sconvolgente del processo. Proprio come con altre dipendenze, il momento in cui accetti di essere un mangiatore di abbuffate può essere il più problematico. È liberatorio e paralizzante allo stesso tempo: sapevo di fare affidamento su questo fastidioso meccanismo di coping, ma lo stavo facendo ancora di più. Alla high-quality, ho scoperto che il sostegno dei miei cari period trasformativo e ho trovato conforto nel vedere altre persone aprirsi a quello che sembrava un disturbo vergognoso.

(Getty Photographs/iStockphoto)

Anche se non consiglierei mai a nessuno che soffra di mangiare disordinato di usare TikTok come punto di riferimento per i consigli sulla salute, ho trovato una comunità di creatori sulla piattaforma che parlavano apertamente delle loro lotte con il binge consuming, oltre a voci esperte nel sul campo condividendo i loro suggerimenti, per essere un mezzo utile quando si trattava di accettare i miei.

Su un’app dominata da Gen-Z brillantemente autocoscienti, il contenuto che ho trovato period molto lontano dagli ossessioni della perdita di peso o dalle persone che considerano qualcuno come me pigro o debole. Queste persone stavano riconoscendo l’abbuffata per quello che period veramente: un problema di salute mentale. Hanno coraggiosamente condiviso che la radice del loro rapporto con il cibo period psicologica e che c’period una forza inespressa nell’abbracciare questa realtà che ammiravo.

Persone come Torrie Baker, che in apparenza ha una vita perfettamente rifinita con un matrimonio e due figli, spiega sull’app che gli abusi subiti da bambina l’hanno costretta a rivolgersi al cibo per trovare conforto. Invece di vergognarsi per queste abitudini da adulta, le sostituisce con la compassione facendo cose piccole ma consapevolmente rilassanti, come prepararsi una sana colazione dopo una brutta abbuffata la sera prima, invece di limitarsi. Mentre le trigger delle nostre abbuffate erano completamente numerous, sentirla parlare a se stessa con story gentilezza mi ha ispirato advert adottare la stessa compassione verso me stesso.

Non c’è dubbio che TikTok abbia incoraggiato alcune tendenze profondamente problematiche relative alla cultura della dieta e alle abitudini alimentari, ma la comunità che ho trovato lì mi ha permesso di immergermi nell’accettazione e mi ha mostrato che i momenti bui sono molto più facili da affrontare nella calda luce di conversazione.


Ora, le mie smagliature sbiadite rappresentano un rivestimento d’argento, un promemoria di quanto sono arrivato lontano.

Williams spiega che “un modo per rompere un po’ di quella vergogna per il binge consuming è parlarne apertamente. Non sto dicendo che se ne sbarazza completamente, ma c’è qualcosa di abbastanza potente nel condividerlo. Non è più così vergognoso, perché non è più questo oscuro segreto che stai nascondendo.

Vedere persone in una posizione simile alla mia onestà riguardo al loro disordine alimentare, oltre advert avere uno spazio sicuro in cui parlarne, è stato fondamentale per guarire il mio rapporto con il cibo. Anche l’apertura agli altri delle mie lotte è stata una parte cruciale per liberarmi dalle abbuffate croniche.

Naturalmente gran parte della mia guarigione è stata possibile grazie al mio privilegio di poter accedere alla terapia privata; Le risorse finanziate dal SSN non sono abbastanza ampie per supportare i complessi bisogni di coloro che si abbuffano.

Quando finalmente sono venuto a patti con l’essere un mangiatore incontrollato, non c’period solo la guarigione mentale con cui confrontarsi, ma anche gli effetti collaterali fisici. Quando ho visto per la prima volta le strisce viola rosa che si estendevano sulla parte inferiore dello stomaco dopo aver guadagnato peso, mi sono sentito disgustato. Riuscivo a malapena a guardarli, non importa toccarli. Ora, dopo due anni di terapia e in un luogo molto più sano con il cibo, stanno diventando una tonalità più chiara con sfarfallio d’argento e una sensazione meravigliosamente morbida. Per me, rappresentano davvero il lato positivo, un promemoria di quanto sono arrivato lontano. Ora so che il mio cervello si prendeva cura del mio corpo nell’unico modo in cui sapeva. Stava cercando di proteggermi dalle vecchie ferite.

Dare a me stesso il permesso di liberarmi dalla vergogna e di celebrare invece il mio cervello e il mio corpo per avermi portato qui, è stato davvero liberatorio. Come posso vergognarmi di questo?

Per chiunque stia lottando con le questioni sollevate in questo articolo, la carità sui disturbi alimentari Colpola linea di assistenza è disponibile 365 giorni all’anno al numero 0808 801 0677. NCFED offre informazioni, risorse e consulenza per coloro che soffrono di disturbi alimentari, nonché le loro reti di supporto. Visita disturbi-alimentari.org.uk oppure chiama lo 0845 838 2040.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati