20.4 C
Italia
venerdì, Ottobre 7, 2022

Il formaggio è gouda per le tue ossa… ma solo se mangi Jarlsberg!

Mangiare formaggio può essere la chiave per mantenere le ossa sane in età avanzata, suggerisce la ricerca.

Ma i benefici non derivano dal mangiare cheddar, mozzarella o anche camembert.

Invece, i segreti sembrano derivare da Jarlsberg, un formaggio mite e dal sapore di nocciola proveniente dalla Norvegia.

Gli accademici hanno scoperto che mangiare l’equivalente di due sole fette al giorno potrebbe essere sufficiente per scongiurare l’osteoporosi.

La condizione indebolisce gradualmente le ossa, rendendole più fragili e suscettibili di spezzarsi in vecchiaia.

Mangiare il formaggio Jarlsberg (nella foto) può essere la chiave per mantenere le ossa sane in età avanzata, suggerisce la ricerca

QUALI TRATTAMENTI ESISTONO PER L’OSTEOPOROSI?

Un certo numero di farmaci diversi sono usati per trattare l’osteoporosi.

I bifosfonati rallentano la velocità di rottura dell’osso. Ciò mantiene la densità ossea e riduce il rischio di rottura dell’osso.

Esistono diversi bisfosfonati, tra cui:

  • acido alendronico
  • acido ibandronico
  • acido risedronico
  • acido zoledronico

Vengono somministrati sotto forma di compressa o iniezione.

L’osteoporosi è una malattia in cui la densità ossea si perde lasciando i pazienti inclini a fratture. Di solito, il vecchio tessuto osseo viene scomposto e sostituito con nuovo tessuto.

L’osteoporosi si verifica quando la rottura dell’osso supera la sua sostituzione.

È clinicamente dimostrato che i bifosfonati riducono il rischio di fratture aumentando la massa ossea e la densità minerale, nonché riempiendo le fosse create dalle cellule ossee iperattive.

I farmaci si legano alla superficie delle ossa, bloccando la rimozione dell’osso.

Poiché il trattamento a lungo termine a volte può avere effetti collaterali, il medico può suggerire di interrompere il trattamento dopo tre o cinque anni.

Allo studio, durato 12 settimane, hanno preso parte in media sessantasei donne, sulla trentina.

È stato chiesto loro di aggiungere 57 g al giorno di Jarlsberg – l’equivalente di circa due fette di panino – nella loro dieta abituale, o 50 g di Camembert per sei settimane.

I formaggi sono stati confrontati tra loro perché hanno un contenuto di grassi e proteine ​​simile. Jarlsberg, invece, è ricco di vitamina K2.

Sono stati prelevati campioni di sangue prima e dopo l’esperimento, pubblicati su Vitamin Prevention and Well being del British Medical Journal.

Anche i volontari del gruppo Camembert sono stati trasferiti a Jarlsberg dopo le prime sei settimane per vedere come cambiare il formaggio che mangiavano influiva sui loro corpi.

I livelli di osteocalcina, l’ormone responsabile del legame del calcio alle ossa, dando loro forza, erano più alti nel gruppo di Jarlsberg.

Avevano anche molta più vitamina K2, che gli esperti hanno affermato essere “importante per la salute delle ossa”.

Nessun effetto di questo tipo period visibile nel gruppo Camembert.

Tuttavia, il gruppo ha visto i livelli di entrambi aumentare quando è passato a mangiare Jarlsberg.

Sorprendentemente, i livelli di calcio e magnesio, entrambi noti per essere benefici per la salute delle ossa, sono diminuiti per coloro che mangiano Jarlsberg.

Ma gli accademici, dello Skjetten Medical Heart in Norvegia, hanno affermato che la caduta rifletteva semplicemente un maggiore assorbimento di minerali tra i partecipanti che mangiavano Jarlsberg.

Hanno affermato che “il consumo quotidiano di formaggio Jarlsberg ha un effetto positivo sull’osteocalcina” e su altri marcatori della formazione ossea.

I risultati suggeriscono che gli effetti sono specifici di Jarlsberg, hanno detto i ricercatori.

Hanno affermato che i risultati indicavano che il formaggio potrebbe aiutare a prevenire l’osteopenia, la fase prima dell’osteoporosi.

Ma hanno sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

I ricercatori, inoltre, non hanno misurato i cambiamenti nella densità o nella forza ossea, il che significa che l’aumento della vitamina K2 potrebbe non causare effettivamente un rischio ridotto di osteoporosi.

Altri esperti hanno avvertito che lo studio, finanziato in parte da TINE SA, un produttore di Jarlsberg, non dovrebbe essere “considerato come una raccomandazione per mangiare un particolare tipo di formaggio”.

Il professor Sumantra Ray, nutrizionista dell’Università di Cambridge e co-proprietario della rivista, ha dichiarato: “Questo studio mostra che mentre il calcio e la vitamina D sono noti per essere estremamente importanti per la salute delle ossa, ci sono altri fattori chiave in gioco, come vitamina K2, che forse non è così nota.

‘Diversi metodi di preparazione significano che esistono differenze fondamentali nella composizione nutritiva del formaggio, che è stato spesso considerato un alimento omogeneo nella ricerca dietetica fino advert oggi. Questo deve essere affrontato in studi futuri.

“Poiché si tratta di un piccolo studio su persone giovani e sane progettato per esplorare nuovi percorsi che collegano dieta e salute delle ossa, i risultati devono essere interpretati con grande cautela poiché i partecipanti allo studio non saranno necessariamente rappresentativi di altri gruppi.

“E non dovrebbe essere preso come una raccomandazione per mangiare un particolare tipo di formaggio.”

Il dottor Duane Mellor, un dietista registrato presso l’Aston College, ha dichiarato: “[The study] non fornisce alcuna prova dell’effettivo cambiamento nella densità o nella forza ossea poiché ciò richiederebbe molto più tempo per essere mostrato.

“Il collegamento ai cambiamenti nella vitamina Ok è interessante, poiché lo Jarlsberg conteneva questo nutriente e il camembert di controllo no.

‘Tuttavia, ci sono varie altre fonti di questa vitamina nella nostra dieta, comprese le verdure di colore verde scuro, compreso il cavolo.

“Poiché i ricercatori hanno solo chiesto ai partecipanti di attenersi alla loro dieta abituale – che varia naturalmente – e non hanno cercato di controllarla, ciò potrebbe significare che la loro assunzione di vitamina Ok potrebbe essere variata sia all’inizio che durante lo studio”.

L’osteoporosi è particolarmente diffusa nelle donne in postmenopausa e colpisce 3 milioni in Gran Bretagna e 10 milioni negli Stati Uniti.

Alla maggior parte delle persone non viene diagnosticata e vengono somministrate compresse per il rafforzamento delle ossa fino a quando non si è rotto un osso.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati