12.7 C
Italia
sabato, Settembre 24, 2022

Il microbioma potrebbe essere la chiave

Condividi su Pinterest
I benefici per la salute derivanti dal consumo di fibre alimentari possono dipendere dal tipo di fibra, dal dosaggio e dal microbioma, secondo uno studio recente. Jeff Wasserman/Stocksy
  • Le diete ricche di fibre hanno molti benefici per la salute, inclusa la riduzione del rischio di infarto e ictus.
  • Molti tipi diversi di fibre alimentari possono essere consumati come parte di una dieta variata o come integratori alimentari.
  • Fibre numerous possono avere effetti diversi sul nostro microbioma intestinale.
  • Un nuovo studio suggerisce che l’uso di fibre alimentari mirate può giovare alla salute.

La fibra è una parte essenziale della nostra dieta. Altrimenti noto come crusca, è la parte indigeribile degli alimenti vegetali che aiuta a ridurre il rischio di malattie come malattie cardiache e diabete di tipo 2.

Esistono due tipi di fibre, entrambi polisaccaridi non amilacei che le persone non possono digerire:

  • La fibra insolubile fornisce massa alla dieta e sposta i rifiuti attraverso il corpo, mantenendo l’intestino sano e aiutando a prevenire la stitichezza.
  • La fibra solubile forma una sostanza gelatinosa che viene scomposta dai batteri intestinali. Può abbassare i livelli di colesterolo e aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Ma non tutte le fibre alimentari sono uguali. Un nuovo studio pubblicato in Ospite cellulare e microbi ha scoperto che i benefici per la salute variano da individuo a individuo e possono dipendere dal tipo di fibra, dalla dose consumata e dal microbioma dell’individuo.

I ricercatori della Stanford College of Drugs hanno testato come due fibre solubili purificate — arabinoxilano (AX) e inulina a catena lunga (LCI) — hanno colpito un gruppo di 18 partecipanti.

AXE si trova nei cereali integrali, come segale, grano, avena e riso; LCI si trova nelle cipolle, nella radice di cicoria, nell’aglio e nei topinambur. Entrambi i tipi di fibra possono anche essere presi come supplementi dietetici.

I partecipanti allo studio avevano un’età media di 56,9 anni. Degli 8 uomini e 10 donne, 14 erano in sovrappeso o obesi e 11 erano insulino-sensibili. I ricercatori li hanno separati casualmente in 2 gruppi per tre show incrociate. Un gruppo ha iniziato con AX, l’altro con LCI è poi passato. Entrambi i gruppi sono finiti con una miscela di fibre composta da AX, LCI, gomma d’acacia, glucomannanie l’amido resistente.

Ogni prova è durata 3 settimane. Nella prima settimana, i partecipanti hanno consumato 10 g di fibre al giorno, salendo a 20 g nella seconda settimana e 30 g nella terza. I partecipanti hanno quindi avuto una pausa di 6-8 settimane tra le 3 show.

“Questo è uno studio MOLTO piccolo su 18 partecipanti che ‘vivono liberamente’ – il che significa che il loro cibo non è controllato – quindi tra il cibo e la dimensione del campione, è estremamente difficile trarre conclusioni significative. Come quasi tutte le buone ricerche che ho letto sul microbioma, questo solleva tante domande quante risposte”.

– Kate Cohen, MS, RDN, dell’Ellison Institute for Transformative Drugs presso il Windfall Saint John’s Well being Heart di Santa Monica, CA, parlando con Notizie mediche oggi.

I ricercatori hanno raccolto campioni di plasma, siero e feci da tutti i partecipanti all’inizio dello studio, quindi alla wonderful di ogni settimana. Hanno anche misurato la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Hanno misurato i cambiamenti nei lipidi, compreso il colesterolo, il materiale genetico nei campioni di feci (per identificare i batteri intestinali), le proteine ​​plasmatiche, i metaboliti e citochine. Le citochine sono marcatori infiammatori che indicano infiammazione nel corpo.

Durante l’assunzione di AX, la maggior parte dei partecipanti ha avuto un calo significativo delle lipoproteine ​​​​a bassa densità (LDL), o colesterolo “cattivo”, e un aumento degli acidi biliari. Gli autori suggeriscono che l’aumento degli acidi biliari può contribuire alla riduzione delle LDL. Tuttavia, alcuni partecipanti non hanno visto alcun cambiamento nei livelli di LDL.

Per LCI, la maggior parte, ma non tutte, le persone hanno visto una piccola diminuzione dei marker infiammatori e un aumento del Bifidobatterio. Questo microbo intestinale è generalmente considerato benefico per la salute dell’intestino. Tuttavia, la dose più alta di LCI (30 g al giorno) ha invertito questo effetto. A questa dose, i partecipanti hanno visto un aumento dell’infiammazione e dell’aumento dell’alanina aminotransferasi, un enzima associato al danno epatico.

L’integrazione di fibre miste ha prodotto meno cambiamenti significativi.

Gli autori notano che le risposte non erano coerenti per tutte le persone per entrambi i tipi di fibre, suggerendo che il microbioma di ogni persona può determinare le risposte.

“I nostri risultati dimostrano che gli effetti fisiologici, microbici e molecolari delle singole fibre differiscono sostanzialmente”.

– Il dottor Michael Snyder, autore senior dello studio, ha affermato in un comunicato stampa.

Kate Cohen period entusiasta di vedere dove sarebbero andati gli autori dopo: “Scoprire come le numerous fibre interagiscono con il microbioma è un passo essenziale per trasformare in realtà la nutrizione personalizzata. Questa ricerca sta anche gettando le basi per l’utilizzo del cibo come medicinale in un modo veramente prescrittivo. Questo studio conferma ancora una volta che il microbioma ha un enorme potenziale per comprendere la salute umana”.

L’attuale assunzione di fibre raccomandata è di 14 grammi per ogni 1.000 calorie consumate, secondo l’American Academy of Vitamin.

Gli esperti affermano che è meglio ottenere la fibra da fonti alimentari prima di utilizzare gli integratori.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati