14.5 C
Italia
lunedì, Settembre 26, 2022

Il rivenditore di alimenti e rimedi naturali guida il grande disaccoppiamento russo

La probabilità che il rivenditore di alimenti naturali e rimedi naturali con sede nel Regno Unito Holland & Barrett venga coinvolto negli eventi globali, prima della scorsa settimana, sarebbe, nel migliore dei casi, descritta come “scarsa”.

L’azienda ha aperto i battenti per la prima volta nel 1870 ed è cresciuta fino a diventare il più grande rivenditore di salute e benessere in Europa, offrendo vitamine e integratori, bellezza naturale, nutrizione attiva e alimenti “privi di”, con negozi in tutto il Regno Unito, Europa, Asia e Medio Oriente .

Eppure eccoci qui, in tempi senza precedenti in cui il grande disaccoppiamento della vendita al dettaglio russa si accumula.

L’oligarca russo Mikhail Fridman si è dimesso dal consiglio di amministrazione della società proprietaria di Holland & Barrett questa mattina dopo essere stato inserito in una lista di sanzioni dall’Unione Europea.

La sua società di personal fairness Letter One ha acquistato il rivenditore – meglio conosciuto come un popolare venditore di vitamine e integratori di excessive avenue e centri commerciali – dal gruppo di acquisizione rivale Carlyle per $ 2,4 miliardi nel 2017.

Tuttavia, lui e il socio in affari Petr Aven si sono ora dimessi dal consiglio di Letter One, presieduto dal banchiere Lord Mervyn Davies, ex ministro del governo laburista del Regno Unito.

Il miliardario Fridman e Aven hanno fondato l’azienda nel 2013 in seguito alla vendita da 13,4 miliardi di dollari della loro partecipazione nel gruppo petrolifero TNK-BP a Rosneft. La coppia possiede ancora quasi il 50% di LetterOne.

Da parte sua, Holland & Barrett ha dichiarato: “Non siamo interessati da alcuna sanzione, né prevediamo di esserlo”.

Fridman aggiunto all’elenco delle sanzioni

Lunedì l’UE ha aggiunto Fridman all’elenco delle sanzioni in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, descrivendolo come “un grande finanziatore russo e facilitatore della cerchia ristretta di Putin”, mentre Aven è stato descritto dall’UE come uno degli “oligarchi più vicini” a Putin

Di conseguenza, l’UE ha congelato i suoi beni nei paesi membri e gli ha vietato di viaggiare all’interno del blocco. Fridman si è detto scioccato dalle accuse e le avrebbe contestate.

Fridman e Aven hanno aggiunto che avrebbero “contestato la base spuria e infondata per l’imposizione di queste sanzioni con vigore e con tutti i mezzi a loro disposizione”.

La notizia arriva dopo una reazione su Twitter sulla proprietà russa di Holland & Barrett, con molti poster che minacciano di boicottare il rivenditore.

La notizia arriva dal momento che molte aziende si stanno “disaccoppiando” dalla Russia tra cui, dal mondo del retail, Asos, Boohoo, Adidas, Nike
DI
Mela
AAPL
e H&M, a cui seguiranno sicuramente maggiori danni alla reputazione dell’essere associati alla Russia tra i consumatori.

Questa settimana il colosso russo dell’e-commerce Ozon ha sospeso le sue azioni sul Nasdaq, con il valore delle azioni in caduta libera.

Holland & Barrett Espansione Globale

La mossa arriva in un momento di rapida espansione per Holland & Barrett che, a gennaio, ha firmato un nuovo accordo di partnership per aprire negozi in Grecia, Romania e Bulgaria.

Il rivenditore di salute e bellezza ha collaborato con FOURLIS Group, che già gestisce negozi in questi territori per marchi come IKEA, Intersport e Athlete’s Foot. Mira advert aprire 120 negozi Holland & Barrett nel tempo, con i primi punti vendita e un sito Internet Holland & Barrett programmato per il lancio simultaneo quest’anno.

All’epoca, il chief industrial officer di Holland & Barrett, Alex Dower, ha dichiarato: “H&B sta rapidamente diventando un vero marchio globale, con i prodotti H&B disponibili nei negozi e on-line in 18 paesi in tutto il mondo, con altri in programma per il futuro”.

Holland & Barrett ha anche acquisito la società di servizi di bellezza a domicilio Blow alla superb dell’anno scorso. L’app Blow serve clienti in tutta Londra, nel sud-est dell’Inghilterra, Birmingham e Manchester, offrendo una gamma di servizi di bellezza.

L’azienda ha 1.600 negozi in tutto il mondo, di cui quasi 900 nei mercati esteri, e impiega più di 7.000 dipendenti. I suoi più grandi magazzini al di fuori del Regno Unito sono Hong Kong, India e Paesi Bassi. Non ha negozi in Russia.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati