14.5 C
Italia
lunedì, Settembre 26, 2022

Il sorprendente paesaggio del cibo ebraico indiano

L’arco narrativo della storia del cibo di ciascuna delle cinque comunità è un fattore storico. A Calcutta, il cambiamento nella cucina probabilmente è avvenuto subito dopo che gli immigrati ebrei iracheni sono arrivati ​​​​e hanno scoperto le spezie indiane. L’autrice Sonal Ved, nel suo libro Di chi è Samosa è comunque? La storia da dove viene davvero il cibo “indiano”, cube che quando arrivarono nel 1800, probabilmente conoscevano solo ingredienti come peperoncino e aglio. Quando hanno scoperto il resto, “ha dato origine a una cucina ebraica ibrida completamente nuova, che aveva preparazioni come arook (che significa “venato” in ebraico e arabo), polpette di riso aromatizzate al garam masala; pantrafrittelle ripiene di manzo cosparse di curcuma, zenzero e garam masala; Hans Mukhmura, un piatto a base di anatra dove la carne viene cotta con mandorle, uvetta, alloro, pasta di tamarindo e radice di zenzero; e aloo-m-kalla murgipollo arrosto con patate.”

All’altra estremità del paese, Mattancherry è una piccola località a sud di Kochi, sulla costa del Kerala, che ospita Jew City, un miscuglio di alcune strade con negozi che vendono oggetti d’antiquariato, spezie, soprammobili e artigianato locale, intervallati da caffè e ristoranti. Alla advantageous di Synagogue Lane si trova la Sinagoga Paradesi (straniera) del XVII secolo, costruita con tetti di tegole inclinate, piastrelle a motivi di salice blu e bianco, lampadari belgi, simboli ebraici e quattro rotoli della Torah.

Fuori, l’umida aria costiera porta gli aromi delle spezie, qualcosa che il Kerala ha sempre avuto in abbondanza. In quanto comunità commerciale, gli ebrei del Malabar intuirono un’opportunità e finirono per controllare il commercio locale delle spezie. Non sorprende che la cucina ebraica del Malabari oggi sia profumata di spezie e temperata con latte di cocco (una parte essenziale della cucina tradizionale del Kerala), che funziona bene con le leggi dietetiche ebraiche. Qui troverai gli ebrei del Malabar che mangiano gustosi curry a base di pesce, pollo e verdure, nonché sambhar (sugo di lenticchie e verdure), mangiato con riso. Ci sono anche appam (tramogge di riso), io pollichathu (curry di pesce verde), curry di kofta di pesce ebraico, pollo al curry di cocco; e budini e payasam (una specie di porridge) fatto con latte di cocco. Un piatto insolito è pastelloqualcosa di simile a una empanada, ripiena di pollo tritato.

Nell’India occidentale, patria degli ebrei Bene Israeliani, le influenze locali sono inconfondibili. Poha (riso sbattuto) è un alimento base del Maharashtria familiare usato per fare colazione e spuntini, ma trova anche una forte presenza nel cibo ebraico locale. Il poha viene lavato e mescolato con cocco grattugiato, una serie di frutta secca e noci e frutta di stagione tritata e costituisce parte integrante del malia (una cerimonia di ringraziamento ebraica locale). Ma ci sono anche piatti insoliti come chik-cha-halwaun caratteristico dolce Bene Israeliano ottenuto riducendo l’estratto di grano e il latte di cocco.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati