20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

La dieta cheto potrebbe aiutare le persone con SM? – Notizie sulla salute dei consumatori

MERCOLEDI’, 2 marzo 2022 (HealthDay Information) – La dieta Keto è il sogno di un amante a basso contenuto di carboidrati, ma un nuovo studio suggerisce che il popolare piano alimentare può anche migliorare alcuni sintomi della sclerosi multipla (SM).

La SM è una malattia autoimmune che si verifica quando il corpo attacca l’isolamento che avvolge i suoi nervi, causando intorpidimento, affaticamento, problemi alla vescica, problemi di umore e problemi di mobilità che possono interferire con la vita quotidiana. Non esiste una cura per la SM.

Ma potrebbe esserci un modo per alleviare i sintomi.

Nello studio, quando le persone con SM hanno seguito una dieta chetogenica per sei mesi, hanno riportato meno affaticamento e depressione e una migliore qualità generale della vita.

“Il nostro studio fornisce show che le diete chetogeniche sotto controllo medico sono sicure e tollerabili se studiate per un periodo di sei mesi e trasmettono benefici clinici alle persone che convivono con la SM”, ha affermato l’autore dello studio, il dottor J. Nicholas Brenton. È il direttore della Pediatric MS & Associated Issues Clinic presso l’Università della Virginia a Charlottesville.

Le diete chetologiche limitano l’assunzione di carboidrati aumentando i grassi e le proteine. L’obiettivo è passare dalla combustione della glicemia per produrre energia a uno stato di combustione dei grassi (chetosi), producendo perdita di peso.

Non è ancora del tutto chiaro come una dieta cheto migliora i sintomi della SM, ma i ricercatori hanno le loro teorie, a partire dalla perdita di peso che induce, dato il ruolo emergente dell’obesità nella SM. Le diete chetogeniche possono anche ridurre l’infiammazione e aiutare a riequilibrare i batteri nell’intestino delle persone con SM. Alcuni batteri intestinali creano più infiammazione nel corpo e questo è stato osservato in alcune persone con SM, ha detto Brenton.

Lo studio ha incluso 65 persone con SM recidivante-remittente, la forma più comune della malattia. È caratterizzato da periodi di razzi seguiti da remissioni. I pazienti hanno seguito una rigida dieta chetogenica per sei mesi. I ricercatori hanno misurato i chetoni nelle loro urine ogni giorno per vedere se stavano attenendosi alla dieta. (I chetoni sono prodotti dal corpo quando brucia i grassi come carburante.) L’83% dei partecipanti ha aderito alla dieta per il periodo di studio di sei mesi.

Coloro che hanno seguito la dieta avevano meno grasso corporeo e hanno mostrato un calo di circa il 50% dei punteggi di affaticamento e depressione dopo sei mesi. Inoltre, la loro qualità di vita e i punteggi di salute mentale sono migliorati nel corso dello studio. Hanno anche ottenuto risultati migliori nei take a look at che misurano la disabilità della SM. In particolare, i pazienti dello studio hanno camminato in media per 1.631 piedi con un take a look at di camminata di sei minuti all’inizio dello studio, rispetto a 1.733 piedi dopo sei mesi con una dieta chetogenica.

Anche i livelli di marcatori infiammatori nel sangue sono migliorati durante il periodo di studio, ha detto Brenton.

Quindi, tutti con SM dovrebbero iniziare a mangiare una dieta cheto?

Non necessariamente, disse Brenton. Non esiste una dieta unica per la SM. “Ciò che funziona per alcuni pazienti potrebbe non funzionare per altri e l’accumulo di show suggerisce che ci sono numerosi vantaggi negli interventi dietetici nei pazienti che vivono con la SM”, ha affermato. “Il mio consiglio attuale è quello di seguire una dieta sana ed equilibrata e di mantenere un peso sano, poiché entrambi questi aspetti probabilmente svolgono un ruolo positivo nella SM”.

La presentazione dello studio è prevista per l’incontro annuale dell’American Academy of Neurology a Seattle, che si terrà dal 2 al 7 aprile. I risultati presentati alle riunioni mediche dovrebbero essere considerati preliminari fino a quando non saranno pubblicati in una rivista peer-reviewed.

Questo studio si basa su lavori precedenti su animali e studi più piccoli su persone, ha affermato la dott.ssa Barbara Giesser, neurologa presso il Pacific Mind Well being Heart di Santa Monica, in California.

“Le diete chetogeniche possono essere di beneficio nelle persone con SM attraverso diversi meccanismi, tra cui la riduzione dell’infiammazione, la riduzione del grasso corporeo e/o la promozione di un microbioma intestinale meno infiammatorio”, ha affermato Giesser, che non ha legami con il nuovo studio.

Lo studio ha avuto la sua parte di limiti, comprese le sue piccole dimensioni e la mancanza di un gruppo di controllo a scopo di confronto, ha osservato Giesser.

E le diete cheto non sono prive di rischi, ha detto. “Le diete chetogeniche potrebbero portare advert altre complicazioni mediche o carenze nutrizionali”, ha spiegato Giesser, “e qualsiasi regime dietetico dovrebbe essere intrapreso dopo aver consultato un medico”.

Le raccomandazioni dietetiche generali per le persone con SM includono una dieta salutare per il cuore che limiti i grassi saturi e i cereali altamente raffinati, gli zuccheri e gli alimenti trasformati, ed è ricca di piante colorate, proteine ​​magre e grassi polinsaturi come gli acidi grassi omega-3 presenti nel salmone e altri pesci grassi, consigliò Giesser.

Maggiori informazioni

La rivista di educazione del paziente dell’American Academy of Neurology, Cervello e vitaoffre di più sulla convivenza con la SM.

FONTI: J. Nicholas Brenton, MD, direttore, Clinica per la SM pediatrica e disturbi correlati e professore associato, pediatria, neurologia, Università della Virginia, Charlottesville; Barbara Giesser, MD, neurologa, Pacific Mind Well being Heart, Santa Monica, California; Riunione annuale dell’American Academy of Neurology, Seattle, dal 2 al 7 aprile 2022

Articoli correlati In giro per il Net

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati