20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

Le persone che mangiano più cibi ricchi di fibre hanno microbiomi molto sani, secondo lo studio

Quella vasta gamma di integratori di fibre alimentari nella farmacia o nel corridoio della drogheria può essere schiacciante per un consumatore. Fanno anche tutti i tipi di indicazioni sulla salute, non essendo soggetti alla revisione e all’approvazione della FDA. Quindi, come fai a sapere quale integratore funziona e sarebbe il migliore per te?

Un esame rigoroso dei microbi intestinali dei partecipanti allo studio che sono stati nutriti con tre diversi tipi di integratori in sequenze various conclude che le persone che avevano mangiato la minor quantità di fibre prima dello studio hanno mostrato il massimo beneficio dagli integratori, indipendentemente da quelli che consumavano.

Le persone che hanno risposto meglio hanno iniziato a mangiare meno fibre”.


Lawrence David, capo dello studio, professore associato di genetica molecolare e microbiologia, Duke College

Il vantaggio della fibra alimentare non è solo la cacca più facile che gli inserzionisti pubblicizzano. Le fibre fermentabili – carboidrati alimentari che l’intestino umano non può elaborare da solo ma alcuni batteri possono digerire – sono anche una fonte essenziale di nutrienti di cui i microbi intestinali hanno bisogno per rimanere in salute.

“Ci siamo evoluti per dipendere dai nutrienti che i nostri microbiomi producono per noi”, ha affermato Zack Holmes, ex dottorando nel laboratorio David e coautore di due nuovi articoli sulla fibra. “Ma con i recenti cambiamenti nella dieta dai cibi ricchi di fibre, abbiamo smesso di nutrire i nostri microbi di ciò di cui hanno bisogno”.

Quando i tuoi insetti intestinali masticano felicemente una dieta ricca di fibre, producono più acidi grassi a catena corta che ti proteggono dalle malattie dell’intestino, dai tumori del colon-retto e persino dall’obesità. E in particolare, producono più di un acido grasso chiamato butirrato, che è il carburante per le cellule intestinali stesse. È stato dimostrato che il butirrato migliora la resistenza dell’intestino agli agenti patogeni, riduce l’infiammazione e crea cellule più felici e sane che rivestono l’intestino dell’ospite.

Knowledge la varietà di integratori disponibili, il workforce di ricerca di David ha voluto sapere se potrebbe essere necessario “personalizzare” integratori di fibre per persone various, poiché è stato dimostrato che various fibre fermentabili hanno effetti diversi sulla produzione di acidi grassi a catena corta da un individuo a il prossimo.

“Non abbiamo visto molta differenza tra gli integratori di fibre che abbiamo testato. Piuttosto, sembravano intercambiabili”, ha detto David durante un tour del suo nuovo scintillante laboratorio nell’edificio MSRB III, che embrace uno speciale “WC scientifico” per la raccolta campioni e una serie di otto fermentatori di “intestino artificiale” per la crescita di microbi intestinali felici all’esterno di un corpo.

“Indipendentemente da quale degli integratori di prova scegli, sembra che il tuo microbioma ti ringrazierà con più butirrato”, ha detto David.

L’adulto americano medio consuma solo dal 20 al 40 percento della quantità giornaliera raccomandata di fibre, che si ritiene sia la causa principale di molte delle nostre comuni malattie della salute, tra cui obesità, malattie cardiovascolari, disturbi digestivi e cancro del colon. Invece di dover diventare totalmente vegetariani o consumare chili di cavolo nero ogni giorno, sono stati creati convenienti integratori di fibre che possono aumentare la produzione di acidi grassi a catena corta.

Gli esperimenti Duke hanno testato tre tipi principali di integratori di fibre fermentabili: inulina, destrina (Benefiber) e galattooligosaccaridi (GOS) commercializzati come Bimuno. I 28 partecipanti sono stati separati in gruppi e hanno ricevuto ciascuno dei tre supplementi per una settimana in ordini diversi, con una settimana di riposo tra i supplementi per consentire ai partecipanti di tornare allo stato di base.

I partecipanti che avevano consumato più fibre in precedenza hanno mostrato il minimo cambiamento nei loro microbiomi e il tipo di integratore non aveva davvero importanza, probabilmente perché stavano già ospitando una popolazione più ottimale di insetti intestinali, ha detto David.

Al contrario, i partecipanti che avevano consumato meno fibre hanno visto il maggiore aumento di butirrato con gli integratori, indipendentemente da quale fosse stato consumato.

In un secondo studio condotto dal laboratorio David con il supporto dell’Workplace of Naval Analysis degli Stati Uniti, hanno scoperto che i microbi intestinali hanno risposto a una nuova aggiunta di fibre in un giorno, alterando drasticamente le popolazioni di insetti presenti nell’intestino e cambiando quale dei loro geni stavano usando per digerire il cibo.

Usando i loro fermentatori intestinali artificiali, i ricercatori hanno scoperto che i microbi intestinali erano innescati dalla prima dose per consumare fibre e la digerivano rapidamente con la seconda dose.

“Questi risultati sono incoraggianti”, ha affermato lo studente laureato Jeffrey Letourneau, autore principale del secondo studio. “Se sei un consumatore a basso contenuto di fibre, probabilmente non vale la pena sottolineare così tanto quale tipo di fibra aggiungere. È solo importante trovare qualcosa che funzioni per te in modo sostenibile”.

“Non ha nemmeno bisogno di essere un supplemento”, ha aggiunto Holmes. “Può essere solo un alimento ricco di fibre. Le persone che stavano già mangiando molte fibre, che provengono da piante come fagioli, verdure a foglia verde e agrumi, avevano già microbiomi molto sani”.

Questa ricerca è stata supportata dal Nationwide Institutes of Well being (R01-DK116187, R01DK116187-01); Ufficio di ricerca navale (N00014-18-1-2616); Istituto di ricerca traslazionale della NASA (NNX16AO69A); e la Damon Runyon Most cancers Analysis Basis.

Fonte:

Riferimento del giornale:

Holmes, ZC, et al. (2022) Le risposte del microbiota a diversi prebiotici sono conservate all’interno degli individui e affiliate all’assunzione abituale di fibre. microbioma. doi.org/10.1186/s40168-022-01307-x.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati