20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

Le regioni del deserto alimentare utilizzano fondi federali per portare cibo sano alle comunità | Cibo

Le comunità negli Stati Uniti stanno utilizzando il denaro degli incentivi federali per portare negozi di alimentari e cibo sano nei deserti alimentari, poiché la pandemia e l’aumento dei costi mettono la nutrizione ulteriormente fuori dalla portata di molti.

Le regioni che utilizzano i fondi dell’American Rescue Plan includono la riserva indiana di Fort Belknap nel Montana, una distesa di 1.000 miglia quadrate condivisa dalle tribù Assiniboine e Gros Ventre. La maggior parte della riserva è considerata un deserto alimentare dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, il che significa che la maggior parte dei residenti ha scarso accesso a cibo sano.

Una società di proprietà indigena della riserva prevede di rinnovare ed espandere il Little River Buying and selling Publish, precedentemente parte della catena Kwik Cease, nella città di Fort Belknap Company.

La combinazione di stazione di servizio e minimarket ha chiuso brevemente dopo essere stata acquistata e poi ha riaperto a dicembre vendendo mele, banane, patate, cipolle e frutti di bosco. “Le nostre bacche volano by way of dagli scaffali”, ha detto Eddie Moore, un responsabile dello sviluppo aziendale che gestisce il negozio per l’Island Mountain Improvement Group, che ha acquistato l’attività l’anno scorso. Prevede di utilizzare i fondi di stimolo federali per espandere la sua offerta di prodotti freschi quest’anno.

Almeno altre cinque comunità hanno proposto di utilizzare i soldi dell’American Rescue Plan – il pacchetto da 1,9 trilioni di dollari approvato dal Congresso nel 2021 per aiutare il Paese a riprendersi dagli effetti della pandemia – per aprire o rilanciare negozi di alimentari, secondo il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Una sfilza di altre aree sta esaminando i modi in cui i fondi potrebbero alleviare l’insicurezza alimentare.

A Toledo, Ohio, gli attivisti locali hanno esortato la città a utilizzare 1 milione di dollari dei fondi federali per le infrastrutture per attirare un negozio di alimentari in un quartiere a basso reddito. Un cibo più sano aiuterebbe advert alleviare i problemi di obesità, colesterolo e pressione sanguigna elevati tra la popolazione nera di Toledo, ha affermato il reverendo Donald Perryman, presidente del gruppo di difesa di Toledo United Pastors for Social Empowerment.

“Quando sei stato un residente oppresso del nostro paese in alcuni di questi quartieri svantaggiati, sviluppi alcune abitudini legate alla sopravvivenza”, ha detto. “A volte quelle abitudini diventano radicate”.

I neri e i latini hanno maggiori probabilità di vivere in aree senza negozi di alimentari rispetto ai bianchi, così come le persone a basso reddito.

Il modello della drogheria è rotto e il finanziamento federale offre nuovi modi per risolverlo, ha affermato Beverley Wheeler, direttore di DC Starvation Options, che gestisce programmi nutrizionali nella capitale della nazione.

“I nostri grandi negozi di alimentari hanno un modello di enterprise basato sull’istruzione e sul reddito”, ha affermato Wheeler, che ha notato che Washington DC prevede di utilizzare i fondi dell’American Rescue Plan per aggiungere quest’anno negozi di alimentari più piccoli ai quartieri meno serviti. “Non li costruiscono nei quartieri dove ne abbiamo bisogno”.

Può essere difficile per un negozio di alimentari realizzare un profitto anche nelle comunità benestanti, quindi convincere le aziende a restare nei quartieri a basso reddito è una sfida, ha affermato Connie Max, vicepresidente esecutivo per i prestiti con la Native Initiatives Assist Corp, una non -profitto che aiuta a finanziare progetti comunitari. Sempre più comunità chiedono aiuto per attirare o trattenere i negozi di alimentari, ha detto Max, con i governi locali e le organizzazioni non revenue della comunità che raccolgono fondi piuttosto che aspettare che le aziende aprano negozi da sole.

“I margini sono piuttosto sottili nei negozi di alimentari”, ha detto. “Ogni volta che possiamo, cerchiamo di aiutarli advert acquistare la struttura per radicarli davvero nella comunità”.

Ma dare ai residenti l’accesso a cibo sano potrebbe non essere semplice come aprire un nuovo negozio di alimentari.

I funzionari di Toledo stanno cercando di capire cosa aiuterebbe di più, specialmente nei quartieri che hanno perso popolazione. Meno della metà della popolazione ottiene i suoi generi alimentari dai negozi di alimentari, ha affermato Sandy Spang, vicedirettore dello sviluppo economico della città, in calo rispetto al 90% nel 1988. La città sta esaminando i residenti per vedere se i nuovi negozi di alimentari sarebbero più utili, advert esempio, del cibo camion o altre opzioni di cibo preparato.

“Penso che dobbiamo riconoscere che la distribuzione del cibo sta cambiando”, ha detto Spang. “Non credo che possiamo guardare alle soluzioni di 40 anni fa. Se hai perso densità nei quartieri, non avrai necessariamente la fattibilità per i negozi di alimentari tradizionali”.

A Birmingham, in Alabama, che sta anche cercando modi per utilizzare i fondi ARP per opzioni alimentari più sane, la città ha pagato per rinnovare un negozio di alimentari abbandonato ma si è resa conto che avrebbe dovuto dividere l’edificio a metà per attirare un nuovo droghiere perché le aziende tendono a preferire più piccoli I negozi.

I residenti circondati da negozi di convenienza e dollari hanno gravemente perso l’accesso a cibi freschi come prodotti da forno, prodotti da forno e frutti di mare, ha affermato Carol Clarke, l’assessore comunale che rappresenta il quartiere. “È sicuramente un deserto di cibo”, ha detto.

Anche altre comunità stanno utilizzando i fondi ARP per alleviare l’insicurezza alimentare:

  • La nazione Cherokee spera di aprire un negozio di alimentari a Marble Metropolis, in Oklahoma. “È importante garantire che le nostre comunità Cherokee all’interno della riserva abbiano accesso a cibi sani, specialmente nelle nostre aree rurali dove ci sono risorse limitate, inclusi i negozi di alimentari”, ha affermato Chuck Hoskin Jr, capo principale della nazione Cherokee.

  • Austin, in Texas, dove 12 codici postali della città non hanno negozi di alimentari, prevede di aprire almeno un negozio pilota nella sottoservita Austin orientale.

  • La contea di Macon-Bibb, in Georgia, sta spendendo 1 milione di dollari in un negozio di alimentari in un quartiere a basso reddito.

Anche Memphis, Tennessee e Washington DC, hanno in programma di aprire negozi finanziati dall’ARP, e Charleston, West Virginia, ha proposto il Miss Ruby’s Nook Market, che rileverebbe il sito di un’ex fontana di bibite vicino a un complesso residenziale per anziani dove i residenti hanno problemi raggiungere i negozi di alimentari più lontani.

Il negozio senza scopo di lucro trasporterà prodotti locali e offrirà educazione alimentare, ha affermato Spencer Moss, direttore esecutivo della West Virginia Meals & Farm Coalition, che sta aiutando advert aprire l’attività.

“Non abbiamo bisogno di realizzare un profitto”, ha detto. “Dobbiamo solo raggiungere il pareggio”.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati