20.2 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

L’Ucraina celebra la triste Pasqua ortodossa

Emesso il:

Lyman (Ucraina) (AFP) – Gli ucraini domenica hanno celebrato una cupa Pasqua ortodossa a due mesi dall’invasione della Russia, con alcuni coraggiosi bombardamenti per le benedizioni e molti degli sfollati che si sono aggrappati a tradizioni care.

Sotto la pioggia in una postazione militare nella città orientale di Lyman, in prima linea, i soldati si scambiarono il solito saluto patriottico di “Gloria all’Ucraina!” per il rituale “Cristo è risorto!”

“Davvero risorto!” è arrivata la risposta.

Nella piccola chiesa ortodossa della città, circa 50 civili avevano sfidato un possibile colpo di mortaio per riunirsi a pregare fin dall’alba.

Il fuoco dell’artiglieria ucraina e russa si sentiva durante il canto dei salmi.

“Se facciamo le scelte sbagliate, l’oscurità ci rovinerà, poiché l’oscurità ci sta distruggendo durante questa guerra”, ha detto il sacerdote nel suo sermone.

“Siamo grati per gli aiuti umanitari e la comunità che si prende cura degli sfollati”, ha aggiunto.

Dieci soldati e poliziotti in divisa, alcuni in giubbotto antiproiettile, hanno assistito anche alla funzione nella chiesa celeste, con le mani piene di cesti pasquali, facendo il segno della croce prima di entrare.

In tutta l’Ucraina, la gente ha fatto i preparativi per celebrare la Pasqua ortodossa, per quanto modesta Yasuyoshi CHIBA AFP

Perline di zucchero multicolori

La guerra in Ucraina ha ucciso migliaia di persone e costretto milioni di persone a fuggire dalle loro case da quando la Russia ha invaso il 24 febbraio.

Nella relativa sicurezza della città occidentale di Leopoli, marito e moglie nel loro completo della domenica sono entrati in una chiesa gremita, quest’ultima con in mano il tradizionale cestino della colazione coperto da un panno ricamato per la benedizione del sacerdote.

Fuori dalla chiesa dei Bernardini, Yuliya, 27 anni, ha ascoltato la funzione dal cortile con un’amica.

“È una festa che unisce la famiglia. Adesso c’è la guerra ed è particolarmente importante seguire le nostre tradizioni”, ha detto, vestita con un lungo cappotto nero.

Sabato le autorità ucraine hanno esortato i festeggiati a seguire le funzioni religiose on-line e a rispettare il coprifuoco notturno.

In tutto il vasto paese la gente faceva preparativi, per quanto modesti.

Nella città orientale di Severodonetsk, le truppe ucraine avevano nascosto la loro piccola scorta di rifornimenti sotto un ponte dopo essere state colpite da colpi di mortaio russi nella notte
Nella città orientale di Severodonetsk, le truppe ucraine avevano nascosto la loro piccola scorta di rifornimenti sotto un ponte dopo essere state colpite da colpi di mortaio russi nella notte Yasuyoshi CHIBA AFP

Su un’altra parte della linea del fronte, nella città orientale di Severodonetsk, le truppe ucraine avevano nascosto le loro piccole scorte di rifornimenti sotto un ponte dopo essere state colpite da colpi di mortaio russi nella notte.

Insieme a bottiglie di acqua e Coca-Cola, kalashnikov e barrette di cereali, li aspettavano tre grandi pani pasquali ricoperti di glassa e cosparsi di perline di zucchero multicolori, dopo la consegna del loro comandante.

A Slovyansk, a ovest, i fedeli del sabato pomeriggio si sono recati frettolosamente alla cattedrale di Aleksander Nevsky con cesti pieni di uova embellish e pane dolce.

Paisiy, un sacerdote di 34 anni, ha detto di essere rimasto in città per portare conforto ai tanti residenti che si erano rifiutati di partire.

“Questo è il mio lavoro per restare. Le persone hanno paura e quando vengono qui e vedono il prete, dà loro un senso di sicurezza”, ha detto.

Intorno a lui, la gente è passata per una benedizione con l’acqua santa, poi è risalita in bicicletta e si è allontanata di corsa.

Nessuno rimase più del necessario nel cortile della cattedrale di mattoni, poiché in lontananza risuonava il increase del fuoco dell’artiglieria.

‘Voglia di vittoria’

Sabato pomeriggio a Leopoli, Yuliya, 51 anni, period venuta per una benedizione pasquale, appena una settimana dopo che lei ei suoi genitori erano fuggiti dai bombardamenti russi sulla sua città natale di Kharkiv, a est.

“Ero stufo di tremare quando i missili volavano sopra casa mia”, ha detto, senza dare il suo secondo nome.

Insieme a bottiglie di acqua e Coca-Cola, kalashnikov e barrette di cereali, tre grandi pani pasquali attendevano i soldati a Severodonetsk
Insieme a bottiglie di acqua e Coca-Cola, kalashnikov e barrette di cereali, tre grandi pani pasquali attendevano i soldati a Severodonetsk Yasuyoshi CHIBA AFP

Portava due torte ghiacciate che aveva sfornato il giorno prima avvolte in un telo in un cesto.

“Non sono più belli come una volta”, ha detto, poiché non si period ancora abituata al forno nella sua nuova casa.

Ha detto che quest’anno la Pasqua è stata diversa, anche a Leopoli, dove aveva trascorso le vacanze various volte prima del conflitto.

“Riesco a vedere meno persone e non così faccine sorridenti. Le persone sono più preoccupate”, ha detto.

Nelle vicinanze, Iryna Gapanovych, 38 anni, ha detto che lei e la sua amica avevano trascorso più di due ore in un rifugio antiaereo mentre andavano in chiesa, dopo che la sirena del raid aereo period suonata.

“Il mio augurio per la Pasqua è la vittoria dell’Ucraina”, ha detto, stringendo un cesto di pane dolce, uova dipinte e salumi.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati