12.7 C
Italia
sabato, Settembre 24, 2022

Mangiare pesce può aumentare il rischio di cancro?

Uno studio chiede se le persone che mangiano molto pesce abbiano un rischio maggiore di contrarre il melanoma da cancro della pelle.

Se stai cercando di seguire una dieta sana, il pesce è una buona scelta, giusto? Dopotutto, il pesce è ricco di proteine, povero di grassi saturi e una buona fonte di acidi grassi omega-3, vitamina D e molti altri nutrienti. Mangiare più pesce può significare mangiare meno cibi con grassi nocivi e conteggi calorici più elevati. In effetti, i nutrizionisti raccomandano comunemente più frutti di mare (e meno cheeseburger) per migliorare la tua dieta e le linee guida nutrizionali promuovono il pesce come parte di una dieta sana.

Quindi, sembra sorprendente che un nuovo studio in Trigger e controllo del cancro suggerisce un legame tra il consumo di pesce e il cancro della pelle, in particolare dal momento che il più grande fattore di rischio noto per il melanoma non è la dieta, ma l’esposizione al sole. Avere cinque o più scottature solari nella tua vita raddoppia il rischio di sviluppare il melanoma.

Uno studio collega il consumo di pesce spesso con un rischio maggiore di melanoma

Il melanoma, il tipo più grave di cancro della pelle, è responsabile di oltre 7.500 decessi negli Stati Uniti ogni anno. E i casi sono in aumento.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno riscontrato un rischio maggiore di melanoma tra le persone che mangiavano più pesce. Questo studio è tra i più grandi e ben progettati per esaminare questo collegamento. Quasi 500.000 persone in sei stati degli Stati Uniti hanno completato un questionario dietetico nel 1995 o nel 1996. L’età media dei partecipanti period di 61 anni e il 60% erano maschi. Più del 90% erano bianchi, il 4% neri e il 2% ispanici.

Nei successivi 15 anni, i ricercatori hanno calcolato quante persone hanno sviluppato il melanoma e hanno scoperto che:

  • Il tasso di melanoma period del 22% più alto tra le persone che riferivano di mangiare più pesce (circa 2,6 porzioni a settimana) rispetto a quelle che ne mangiavano di meno (0,2 porzioni a settimana o circa una porzione ogni cinque settimane). Tendenze simili sono state notate per l’assunzione di tonno.
  • Il rischio di alterazioni cutanee precancerose (chiamate melanoma in situ) è aumentato in modo simile nel gruppo che ha mangiato più pesce.
  • È interessante notare che i ricercatori non hanno riscontrato un aumento del rischio di melanoma tra coloro che mangiano il pesce più fritto. Questo è sorprendente perché, se mangiare pesce aumenta il rischio di melanoma come suggerisce lo studio, non è chiaro perché friggere il pesce eliminerebbe il rischio.

Questo significa che mangiare pesce provoca melanoma?

No, non è così. È troppo presto per trarre conclusioni definitive sul rapporto tra pesce nelle nostre diete e melanoma. Lo studio presentava importanti limitazioni, tra cui

  • Tipo di studio. Studi osservazionali come questo possono rilevare un possibile legame tra dieta e cancro, ma non possono dimostrarlo.
  • Affidarsi ai dati del sondaggio auto-riportati. Le persone si auto-riportano quante porzioni di pesce mangiano ogni settimana, il che potrebbe non essere accurato. Inoltre, i ricercatori hanno ipotizzato che il consumo di pesce riportato nell’indagine iniziale persistesse per 15 anni, il che potrebbe non essere stato il caso.
  • Contabilità di altri fattori. Molti fattori influenzano il rischio di melanoma, come l’esposizione al sole varia a seconda di dove vivevano i partecipanti. L’analisi ha tenuto conto di alcuni fattori chiave, ma lo studio non ha raccolto informazioni sull’esposizione al sole, sulle scottature solari passate o sull’uso della protezione solare, tutti importanti nel rischio di melanoma. Né i ricercatori hanno chiesto il tipo di pelle o il numero di nei; la pelle chiara o un numero maggiore di nei aumenta il rischio di melanoma.
  • Contaminanti. Il mercurio o l’arsenico nei pesci possono essere responsabili del suo legame con il melanoma. Questo studio non ha registrato contaminanti, ma studi precedenti collegano l’esposizione al mercurio con il rischio di tumori della pelle, incluso il melanoma.
  • Mancanza di diversità. Non è chiaro se i risultati si applichino ampiamente a persone di diversi gruppi razziali ed etnici, perché nove partecipanti allo studio su 10 erano bianchi.

Alcuni pesci sono più sicuri da mangiare di altri?

Lo studio non ha esplorato questa domanda. Tuttavia, se contaminanti come il mercurio nei pesci sono responsabili dell’aumento del rischio di melanoma, la FDA offre consigli su quali pesci sono più sicuri da mangiare, in particolare per i bambini e coloro che sono in gravidanza o che allattano.

Tuttavia, anche se si conferma che il pesce contribuisce al rischio di melanoma, altri effetti positivi del consumo di pesce (come il beneficio cardiovascolare) potrebbero superare di gran lunga questo rischio.

La linea di fondo

I ricercatori responsabili di questo studio non stanno raccomandando un cambiamento nella quantità di pesce che le persone mangiano. Sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati, indagare su quali tipi di pesci influenzano il rischio di melanoma e determinare se alcuni contaminanti nei pesci sono responsabili di eventuali rischi aggiuntivi.

Nel frattempo, i pesci con livelli di mercurio più bassi (come il salmone e le vongole) rimangono scelte dietetiche migliori rispetto agli alimenti ricchi di grassi e altamente trasformati tipici di molte diete occidentali.

Se hai intenzione di trascorrere molto tempo all’aperto quest’property, limitare l’esposizione al sole e utilizzare la protezione solare avrà probabilmente un impatto maggiore sulla salute della pelle e sulla tua salute generale rispetto all’evitare i frutti di mare.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati