14.5 C
Italia
lunedì, Settembre 26, 2022

Non sai cucinare, non cucinerai? Ecco i consigli che mi hanno salvato da una vita di pasti terribili | Cibo

Per la maggior parte della mia vita, sono stato un pessimo cuoco. Alcune persone dicono che sono cuochi terribili, quindi preparano un pasto perfettamente appetibile per quattro. Mi sono dato un’intossicazione alimentare, due volte.

La mia dieta normale includeva uova strapazzate al microonde, formaggi per il pranzo per bambini, lenticchie in scatola mescolate con pomodori in scatola, ciotole di piselli e la polvere “cibo completo” Huel. Ho alternato le stesse due cene per quasi un anno e lo stesso triste pranzo da scrivania per due anni.

In breve, ho rovistato come un procione. Ho scritto di cucinare come “non fa per me” insieme, diciamo, al basket. E non sono solo.

Secondo un sondaggio YouGov del 2014 su 10.000 britannici, uno dei più grandi mai condotti sul cibo, il 10% di noi non sa cucinare nulla, pari a 5 milioni di persone. Un sondaggio più piccolo nel 2018 ha rilevato che il 25% degli intervistati poteva preparare solo tre piatti (compresi uova sode, soldati e porridge).

Avevo accettato i miei limiti in cucina, poi, l’anno scorso, qualcosa è cambiato. Ora, dopo pochi cambiamenti mentali, direi che sono abbastanza bravo in cucina. Nessuno è più sorpreso di me, tranne forse gli amici per cui ho cucinato. Per la maggior parte delle persone, quanto segue sarà ovvio. Per i procioni: continua a leggere.

Indaga sulla tua resistenza

James Clear, autore di Atomic Habits, scrive che il cambiamento del comportamento inizia con il cambiamento dell’identità. Per creare nuove abitudini, “devi iniziare a credere a cose nuove su te stesso”.

Vedi se riesci a identificare la fonte della tua convinzione di essere qualcuno che non sa cucinare. Potresti scoprire un falso presupposto, advert esempio che non meriti di goderti il ​​cibo, che il tempo che non passi a lavorare è sprecato o che cucinare è anti-intellettuale o addirittura un lavoro femminile.

Con gli atteggiamenti nei confronti del cibo modellati durante l’infanzia, queste idee retrograde possono essere insidiose. La scrittrice Hanya Yanagihara ha recentemente affermato di “non aver mai appreso deliberatamente” a cucinare da adolescente per paura di rimanere intrappolata nella sfera domestica; Sospetto che la mia resistenza storica fosse simile. Ma è esaltante rendersi conto che la tua identità non è fissata. Inizia decidendo che sai cucinare, “poi dimostralo a te stesso con piccole vittorie”, scrive Clear.

“Penso che sottovalutiamo sempre la nostra capacità di cambiamento”, afferma Signe Johansen, autrice di Solo: The Pleasure of Cooking for One. “Ma pensare: ‘Sono capace di adattarmi ed evolvermi'”.

Alza la posta in gioco

Parte del motivo per cui ho potuto stare così tanto tempo senza saper cucinare è che per diversi anni ho vissuto con un amico a cui piaceva occuparsi della cucina. Ha preparato la cena; Ho fatto i piatti, tutti erano contenti. Ma mi ha anche accontentato.

Quando il mio coinquilino se ne andò, vivevo di avanzi, sapendo che presto sarebbe tornato. E quando cucinavo, una o due volte alla settimana, non osavo deviare dalle basi per paura di presentargli una cena immangiabile. (Questo è successo comunque – “solo tre o quattro volte”, cube.)

Praticare la mia cucina è stato un po’ come esercitare il mio francese con un madrelingua che parla correntemente anche l’inglese: insistere per imporre la mia incompetenza agli altri, a scapito del divertimento di tutti.

Ma pasticciare con un pasto ogni due settimane semplicemente non è sufficiente per creare slancio. Quindi, se qualcun altro si occupa della cucina nella tua famiglia, chiedigli di prendersi una settimana o due di riposo, per il bene del tuo sviluppo personale. Se il peggio arriva al peggio, puoi comprarli da asporto.

Identifica gli elementi essenziali della tua dispensa

Graffette della dispensa.
Graffette della dispensa. Fotografia: Crispin la valente/Getty Photos

Non sorprende che la mia svolta con la cucina sia arrivata quando mi sono trasferito a vivere da solo. Nell’allestire la mia dispensa, ho subito scoperto che gli elementi essenziali del mio coinquilino – sottaceti, pesce salato, formaggi a pasta dura, salse piccanti – erano completamente diversi dai miei.

Dopo quattro mesi di vita da sola, ho imparato che non posso fare a meno di yogurt greco, cavolo nero, fagioli cannellini, burro di arachidi, panna acida, fiocchi di peperoncino, spinaci e chapati surgelati.

Vedere le mie graffette, quando guardo nel frigorifero o nella credenza, significa che mi sento più capace e ispirato – e non avrei saputo cosa fossero se non fossi stato costretto a scoprirlo.

È lo stesso per strumenti e attrezzature: non posso stare senza un frullatore; Non credo che il mio coinquilino ne abbia mai usato uno.

Neutralizza il tuo “punto di inciampo”

Il guru dell’auto-aiuto e imprenditore Tim Ferriss ha intervistato più di 100.000 dei suoi fan di Fb (per lo più maschi) per scoprire cosa li ha scacciati dalla cucina e ha trovato una serie di ragioni: troppi ingredienti o strumenti, abilità intimidatorie, piatti diversi rifiniti in momenti diversi, in piedi davanti ai fornelli, rifiuti alimentari.

Affrontando quello che ti scoraggia di più, le tue vincite saranno più facili.

Per me, è la mia tendenza a distrarmi, soprattutto se sto leggendo una ricetta sul mio telefono. Passerò a un’altra scheda del browser e mi dimenticherò di mescolare, oppure metto una padella a fuoco alto e poi mi allontano. Il risultato è un piatto che sa di fondo di padella bruciato.

Poi ho preso un altoparlante intelligente. La facilità con cui posso impostare timer, convertire unità e aggiungere alla mia lista della spesa è stata un punto di svolta per tenermi in pista. In combinazione con alcuni libri di cucina, ora posso mettere il telefono in un’altra stanza mentre cucino e i pasti non vengono quasi mai bruciati.

Elle con la mano in una terrina e la lettura di una ricetta.
Vai sul sicuro scegliendo ricette con margini di errore. Fotografia: Linda Nylind/The Guardian

Crea un circolo virtuoso

Ogni volta che cercavo di motivarmi a cucinare, trovavo una ricetta che mi eccitava, poi rovinavo tutto e mi scoraggiavo dal riprovare. All’inizio, le piccole vittorie sono vitali.

Ferriss scrive in The 4-Hour Chef, sulla propria trasformazione da procione umano, dell’importanza di lavorare entro un “margine di sicurezza” scegliendo ricette con ampio margine di errore. Il check, cube, dovrebbe essere: “Quanto puoi storpiare la ricetta e ottenere comunque qualcosa di incredibile?”

“Una volta che inizi a vedere i risultati, è allora che avviene la magia, anche se è qualcosa di veramente semplice come le uova strapazzate”, cube Johansen.

Trova una fonte tu credi

Non tutte le ricette sono affidabili. I libri di cucina sono stati almeno sottoposti a un processo di check delle ricette e di modifica dei testi; un risultato di ricerca di Google superiore può semplicemente riflettere una buona search engine optimisation. “Francamente, ci sono molte cattive ricette là fuori”, cube Johansen.

In ogni caso, è importante trovare una fonte che risuoni con te. I cuochi che hanno scritto testi di consistenze e odori, o che hanno visto ogni pasto come una celebrazione sociale, in realtà hanno riaffermato la mia opinione che non fossi abbastanza raffinato o gregario per godermi la cucina.

Il primo libro di cucina con cui mi sono connesso è stato The Roasting Tin di Rukmini Iyer: un bestseller meritevole per il suo rapporto tra preparazione e guadagno.

Iyer mi cube che ha sviluppato il concetto di traybake quando il suo entusiasmo per la cucina period ai minimi storici, dopo una brutta rottura. “La barra dello sforzo doveva essere: se riesci a strappare la pellicola da un pasto pronto, probabilmente puoi tagliare una patata dolce e metterla in una latta”.

Anche quello può essere un passo per crederti potere cucinare. “Finché non hai un forno davvero pericoloso, c’è ben poco che puoi rovinare qui”, cube Iyer. “Non ti affidi a stare davanti ai fornelli, o alla tua vista o [sense of] odore: tutto quello che devi fare è toglierlo dal forno.

Cerca le formule, quindi adattale

Una volta che hai una ricetta, puoi iniziare a sperimentare.
Una volta che hai inchiodato una ricetta, puoi iniziare a sperimentare. Fotografia: Tijana Simic/Getty Photos/iStockphoto

Dopo aver inchiodato i broccoli e l’orzo al limone di Iyer, ho iniziato provvisoriamente a sperimentare: scambiare qualsiasi verdura avessi in frigorifero o provare diversi brodi. Ogni variazione mi ha insegnato qualcosa sull’improvvisazione e ha rafforzato la mia fiducia.

Con alcune accorte modifiche, puoi estendere il tuo chilometraggio da una ricetta. Dopo aver appreso il famoso stufato di Alison Roman su Web, ho scambiato i ceci con i fagioli, il latte di cocco con i pomodori in scatola e la curcuma con l’origano, quindi ho seguito più o meno lo stesso processo. Il risultato period altamente commestibile e un pasto completamente diverso.

Scopri quali angoli puoi tagliare

È attraverso questo freestyle che inizi a sviluppare il tuo istinto, afferma la scrittrice del Guardian Felicity Cloake. “Il mio consiglio è di concentrarti su una manciata di piatti che sai che ti piacciono fino a quando non riesci a farli bene e adattarli gradualmente per farli tuoi.”

Se la ricetta richiede 45 minuti in forno, ma ti sembra fatta dopo 30 minuti, provala. Se ti piace davvero l’aglio, raddoppia i chiodi di garofano suggeriti e vedi. “È solo attraverso tentativi ed errori che scoprirai come preparare un piatto perfetto per i tuoi gusti.”

Per il principiante, infatti, anche le ricette più semplici sono piene di un linguaggio soggettivo o poco chiaro, come la “coerenza desiderata”. È stato prestando attenzione che ho imparato quali angoli potevo e non potevo tagliare. Advert esempio: è importante che le melanzane siano affettate “molto finemente”, ma di solito puoi condire le cipolle e conservare sempre l’acqua della pasta.

Resisti alla trappola degli avanzi

Fare affidamento sugli avanzi è spesso una necessità pratica se stai cucinando per te stesso, ma se non hai portato a termine la ricetta, gli avanzi hanno il sapore di un fallimento e, se lo hai fatto, potresti non volerlo ripetere una volta che hai mangiato è tre sere di seguito.

Più importante è mantenere un ritmo. Dove una volta cuocevo e lo mangio sera dopo sera, ora congelo le altre porzioni o aggiungo un elemento che ho fatto da zero, per non rompere la mia vena di cottura.

Iyer, che si descrive come “non proprio una ragazza degli avanzi”, cerca dei modi per trasformarli in un pasto diverso, advert esempio trasformando le cianfrusaglie in una polpetta.

Anche i pasti più semplici possono essere elevati al di sopra di una mentalità di sopravvivenza: in Solo, Johansen dedica un capitolo ai brindisi. “Questo è certamente il mio ripiego quando non ho voglia di cucinare, ma non significa che non possa essere delizioso e nutriente”, cube.

Paga avanti

Nelle strane occasioni in cui io e il mio coinquilino organizzavamo cene, lo stress della preparazione, il tempismo e l’implicita aspettativa di impressionare mi impedivano di godermi appieno la serata. E quello period con il mio coinquilino che faceva quasi tutta la cucina.

Dal mio risveglio in cucina, però, ho avuto amici a cena una o due volte alla settimana. Raramente preparo qualcosa di sfizioso – solo una scodella di stufato o di pasta, o daal mangiato in grembo sul divano; delizioso e nutriente, ma questo è qualcosa che non avrei mai pensato che mi sarei mai sentito a mio agio a fare.

Parte del crescere in cucina, suggerisce Johansen, è trovare persone che la pensano allo stesso modo per cui cucinare, che sono meno preoccupate di ciò che c’è nel menu che godersi la reciproca compagnia. “Le persone generalmente sono molto grate di essere nutrite”, cube.

Posso dire con sicurezza, pensando all’uovo cotto al microonde e ai pomodori lenticchie, che questo non sarebbe stato sempre vero per il mio cibo. Ma è bello, dopo aver vissuto così a lungo come un procione: corpo a corpo, per poter restituire ora.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati