22.4 C
Italia
giovedì, Ottobre 6, 2022

Qual è la dieta asiatica? Potenziali benefici per la salute, lista degli alimenti, piano alimentare e altro

Uno dei grandi vantaggi della dieta asiatica è che è probabile che si assumano più antiossidanti rispetto a una dieta occidentale. “Sicuramente stai ricevendo molte più sostanze nutritive di quelle rilevate dall’etichetta alimentare”, afferma il dottor Li. Gli antiossidanti sono sostanze che proteggono le cellule dai danni causati dai radicali liberi. I radicali liberi – molecole che vengono create quando il tuo corpo scompone il cibo o sei esposto al fumo di sigaretta – possono svolgere un ruolo nelle malattie cardiache, nel cancro e in altre malattie croniche, osserva la Mayo Clinic. In questo modo, una dieta ricca di antiossidanti può proteggere la salute generale.

Tanti antiossidanti raddoppiano quanto i pigmenti, il colore naturale del tuo cibo è un modo per capire quali tipi di antiossidanti stai assumendo. Advert esempio, i frutti rosa e rossi come i pomodori e il pompelmo rosa hanno in genere il licopene come antiossidante principale, afferma Li. Studi su animali e in provetta suggeriscono che il licopene può ridurre il rischio di cancro e malattie cardiache, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, secondo una recensione pubblicata nell’agosto 2020 sulla rivista Antiossidanti.

Il tè non zuccherato è un alimento base della dieta asiatica ed è una delle ragioni principali per cui si pensa che la dieta prevenga le malattie croniche, afferma Supan. “Qualsiasi tè sarà ricco di una buona quantità di antiossidanti”. I tè sono particolarmente ricchi di un tipo di polifenolo noto come flavonoli, che ha dimostrato di aiutare advert abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo, secondo una recensione pubblicata a settembre 2017 in Bollettino nutrizionale.

Ecco alcuni altri benefici della dieta asiatica che la ricerca ha scoperto.

1. Può aiutare a prevenire e controllare il diabete di tipo 2

Seguire una dieta tradizionale asiatica può estendere i benefici che riducono il rischio di diabete di tipo 2. In un precedente studio clinico randomizzato, sia gli asiatici americani che gli americani caucasici a rischio di diabete di tipo 2 hanno abbassato la loro resistenza all’insulina (un segno distintivo del diabete di tipo 2) dopo aver seguito una dieta asiatica tradizionale rigorosamente controllata per 16 settimane. Coloro che sono tornati a una dieta occidentale tradizionale per otto settimane dopo un periodo di otto settimane con la dieta asiatica non solo hanno guadagnato peso (fino a 2 libbre [lb]), ma hanno anche aumentato la loro resistenza all’insulina.

La dieta asiatica può aiutare a prevenire il diabete perché enfatizza molti alimenti che l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali (NIDDK) raccomanda per tenere sotto controllo la glicemia: cereali integrali, verdure, frutta, fagioli e legumi e grassi sani. Limita anche gli alimenti che tendono advert aumentare il livello di zucchero nel sangue e aumentano il rischio di complicazioni legate al diabete come malattie cardiache e ictus, che includono dolci, alimenti trasformati, bevande zuccherate e grassi animali.

La dieta asiatica può anche aiutare a controllare il diabete di tipo 2, ma potrebbe essere necessario prestare molta attenzione alle dimensioni delle porzioni, specialmente quando si tratta di cereali integrali, cube Supan.

2. Può ridurre il rischio di malattie cardiache

Per uno studio pubblicato nell’agosto 2018 nel Giornale europeo di nutrizione clinicai ricercatori hanno confrontato i modelli alimentari di oltre 12.000 uomini provenienti da sette paesi (Stati Uniti, Finlandia, Paesi Bassi, Italia, Grecia, Croazia, Serbia e Giappone) per vedere se esistesse un’associazione tra dieta e morte per malattie cardiovascolari.

Hanno scoperto un modello alimentare simile tra il gruppo mediterraneo e il gruppo giapponese: entrambi prediligevano i frutti di mare e le verdure e riducevano al minimo il consumo di cibi animali e grassi animali. Anche i gruppi mediterranei e giapponesi avevano rischi di morte per malattie cardiache significativamente inferiori rispetto agli altri gruppi.

Una delle ragioni di questo beneficio per la salute del cuore potrebbe essere il ruolo chiave che il pesce gioca in molte diete asiatiche, in particolare nelle regioni costiere, cube Li. Il pesce contiene acidi grassi omega-3, un gruppo di grassi “sani” che possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, insufficienza cardiaca e ictus, secondo l’American Coronary heart Affiliation (AHA). In un’analisi di quattro studi internazionali pubblicati nel marzo 2021 in JAMA Medicina Internai ricercatori hanno rivelato che due porzioni di pesce a settimana – che è la frequenza suggerita nella piramide alimentare della dieta asiatica – sono affiliate a un minor rischio di infarto, ictus e morte tra le persone con malattie cardiache.

3. Può promuovere la salute dell’intestino

Secondo Li, le diete asiatiche in genere includono molti cibi fermentati come tempeh, miso e kimchi. Questi alimenti sono ricche fonti di probiotici, che sono “batteri buoni” che sono benefici per l’intestino.

Principalmente, i probiotici mantengono un sano equilibrio tra i batteri “buoni” e “cattivi” nel tuo corpo, aiutando a supportare la funzione immunitaria e controllare l’infiammazione, osserva la Cleveland Clinic. Possono anche trattare e prevenire la diarrea, la sindrome dell’intestino irritabile, la colite ulcerosa e H. pylori (la causa delle ulcere), secondo Harvard Well being.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati