12.4 C
Italia
sabato, Settembre 24, 2022

Riduci il rischio di demenza con queste scelte di cibo e attività

Mangiare più cibo naturale e non trasformato, mantenersi attivi e avere una buona vita sociale sono tutti modi per combattere la demenza con l’avanzare dell’età, secondo due nuovi studi pubblicati mercoledì su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Uno studio ha studiato come le attività fisiche e mentali come le faccende domestiche, l’esercizio fisico e le visite a familiari e amici potrebbero potenzialmente ridurre il rischio di demenza. L’altro studio ha esaminato l’impatto del consumo di alimenti ultraprocessati sul rischio futuro di demenza.

L’ATTIVITÀ FISICA, MENTALE E SOCIALE AIUTA

A oltre 500.000 persone che partecipano alla Biobanca del Regno Unito, che ospita informazioni genetiche e sanitarie approfondite, è stato chiesto con quale frequenza salivano le scale, camminavano o andavano in bicicletta, svolgevano le faccende domestiche o al lavoro o partecipavano a sport faticosi.

Allo stesso gruppo di persone è stato chiesto anche del loro livello di istruzione e se frequentavano i corsi di educazione degli adulti, quanto spesso visitavano amici e familiari e quanto spesso partecipavano a membership sociali o gruppi religiosi. Poi sono stati interrogati sulla portata del loro uso elettronico, come giocare con il pc, guardare la TV e usare uno smartphone.

I partecipanti sono stati seguiti per circa 11 anni per vedere se sviluppavano la demenza.

Le persone che erano molto impegnate in modelli di attività come l’esercizio fisico frequente avevano un rischio inferiore del 35% di sviluppare demenza rispetto alle persone che erano le meno impegnate in queste attività, hanno scoperto i ricercatori.

Svolgere regolarmente le faccende domestiche ha ridotto il rischio del 21%, mentre le visite quotidiane con familiari e amici hanno ridotto il rischio di demenza del 15%, rispetto alle persone meno impegnate. Lo studio ha rilevato che visitare i pub sembrava aumentare il rischio.

“L’attività sociale è una forma di stimolazione cognitiva e aiuta a costruire la riserva cognitiva, che in parte può spiegare come protegge dalla demenza”, ha affermato la dott.ssa Kellyann Niotis, neurologo presso l’Alzheimer’s Prevention Clinic presso Weill Cornell Drugs e NewYork-Presbyterian, che non è stato coinvolto nello studio.

Le persone che si impegnano in attività sociali regolari hanno anche più proteine ​​​​che proteggono la memoria e hanno maggiori probabilità di provare un senso nella vita, tutte cose importanti per la salute del cervello. Come bonus, perseguire l’esercizio con gli altri può amplificare il beneficio di ciascuno, ha detto.

Tutti i partecipanti allo studio hanno beneficiato dell’effetto protettivo delle attività fisiche e mentali, indipendentemente dal fatto che avessero o meno una storia familiare di demenza, hanno scoperto i ricercatori.

Un limite chiave dello studio period che alle persone veniva chiesto di ricordare, non di tracciare oggettivamente, le loro attività e veniva chiesto loro solo una volta all’inizio dello studio sui loro comportamenti.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i nostri risultati. Tuttavia, i nostri risultati sono incoraggianti sul fatto che apportare questi semplici cambiamenti allo stile di vita può essere utile”, ha affermato l’autore dello studio, il dottor Huan Music, professore di ricerca presso l’Università di Sichuan a Chengdu, in Cina, in una dichiarazione.

GLI ALIMENTI ULTRALAVORATI FANNO MALE

Secondo un nuovo studio condotto dalla biobanca britannica, la sostituzione di alimenti ultraelaborati come biscotti, gelati e patatine con cibi integrali non trasformati può aiutare a combattere la demenza.

“I risultati mostrano che non solo gli alimenti ultraprocessati sono dannosi per la salute del cervello, ma rimuoverli dalla dieta può migliorare i risultati cognitivi e ridurre il rischio di demenza”, ha affermato Niotis, che non è stato coinvolto nello studio.

Gli alimenti ultralavorati sono in genere ricchi di grassi aggiunti, sale e zucchero, ma contemporaneamente poveri di proteine ​​e fibre.

“(Ricercatori) hanno dimostrato che la sostituzione del 20% del peso del cibo ultra-elaborato nella dieta con una proporzione equivalente di cibo non trasformato / minimamente trasformato period associato a un rischio inferiore del 34% di demenza e del 39% in meno di demenza vascolare (ma non di Alzheimer malattia),”, hanno scritto Maura Walker, assistente professore di ricerca presso la Boston College e Nicole Spartano, assistente professore di medicina presso la Boston College Faculty of Drugs in un editoriale di accompagnamento. Non sono stati coinvolti nello studio.

Gli alimenti minimamente trasformati e non trasformati sono definiti come alimenti integrali in cui le vitamine e le sostanze nutritive sono ancora intatte. Verdure crude e surgelate, cereali integrali, legumi e fagioli, frutta, noci, carne, frutti di mare, erbe aromatiche, spezie, aglio, uova e latte possono rientrare in questa categoria.

“I nostri risultati mostrano anche un aumento di soli 50 grammi al giorno di alimenti non trasformati o minimamente trasformati, che equivale a mezza mela, una porzione di mais o una ciotola di crusca, e contemporaneamente una riduzione di 50 grammi al giorno di alimenti ultra-lavorati , equivalente a una barretta di cioccolato o a una porzione di bastoncini di pesce, è associato a una riduzione del 3% del rischio di demenza”, ha affermato l’autore dello studio Huiping Li, dell’Istituto di epidemiologia nutrizionale dell’Università di medicina di Tianjin in Cina, in una dichiarazione.

“È incoraggiante sapere che piccoli e gestibili cambiamenti nella dieta possono fare la differenza nel rischio di demenza di una persona”, ha detto Li. Lo studio potrebbe solo stabilire un’associazione, non una causalità, e sono necessari ulteriori studi.

Gli alimenti ultralavorati passano attraverso più processi durante la produzione e possono contenere molti ingredienti aggiunti per migliorare il gusto e prolungare la durata di conservazione. Gli esempi includono bevande analcoliche, sizzling canine, patatine fritte, cereali per la colazione zuccherati, zuppe confezionate, bocconcini di pollo, caramelle, patatine, gelati: l’elenco potrebbe continuare all’infinito.

“Gli alimenti ultra-lavorati sono pensati per essere convenienti e gustosi (ma) questi alimenti possono anche contenere additivi alimentari o molecole dal confezionamento o prodotti durante il riscaldamento, che hanno tutti dimostrato in altri studi di avere effetti negativi sulle capacità di pensiero e memoria, ” disse Li.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati