20.4 C
Italia
venerdì, Ottobre 7, 2022

Rivelata la “dieta della longevità” scientificamente supportata: il piano embrace il CIOCCOLATO ma elimina la carne rossa

Se hai mai avuto bisogno di una scusa per infilare una tavoletta di cioccolato, non cercare oltre: assicurati che sia scuro.

I ricercatori hanno ora definito il cioccolato fondente una parte cruciale della loro “dieta della longevità”.

Sebbene dia spazio a “qualche” delle tue prelibatezze preferite, la dieta richiede che la carne rossa venga completamente eliminata.

I suoi creatori raccomandano anche di digiunare ogni giorno, dicendo che tutto dovrebbe essere mangiato entro una finestra di 12 ore.

Gli esperti della College of Southern California hanno esaminato centinaia di studi sulla nutrizione nell’ultimo decennio nella loro ricerca per portare alla luce la dieta che “offre le migliori possibilità di vivere più a lungo e in modo più sano”.

Legumi, cereali integrali e verdure costituiscono una parte fondamentale del loro piano alimentare, così come l’abbondanza di noci e olio d’oliva.

Alcuni pesci sono ammessi e l’assunzione di pollo deve essere mantenuta “molto bassa”.

La carne rossa o lavorata deve essere eliminata completamente e lo zucchero e i cereali raffinati, come pane bianco, pasta e cereali, devono essere ridimensionati.

Dopo aver esaminato centinaia di studi sull’alimentazione condotti nell’ultimo secolo, i ricercatori statunitensi hanno definito una “dieta della longevità”, che può offrire le migliori possibilità di vivere più a lungo e in modo più sano. Dicono che la “dieta ottimale” dovrebbe includere molti legumi (nella foto) – come lenticchie e fagioli – oltre a cereali integrali e verdure. I ricercatori raccomandano anche di consumare del pesce, ma non carne rossa o lavorata e solo quantità “molto basse” di carne bianca. Anche “buoni livelli” di noci e olio d’oliva e “un po’” di cioccolato fondente sarebbero stati consumati con la dieta. E raccomandano anche il digiuno per almeno 12 ore al giorno e per cinque giorni ogni pochi mesi per le persone più a rischio di malattia

Tuttavia, i due accademici dietro lo studio non specificano esattamente la quantità di determinati alimenti che le persone dovrebbero mangiare.

Seguire questa dieta può “ritardare l’invecchiamento” e ridurre il rischio di sviluppare malattie legate all’età, tra cui diabete e cancro, hanno affermato i ricercatori.

L’autore principale, il dottor Valter Longo, esperto di invecchiamento e scienze biologiche, ha affermato che “non è una restrizione dietetica destinata a causare solo la perdita di peso”.

Invece, mira a rallentare l’invecchiamento e “aiutare a evitare la morbilità e sostenere la salute fino all’età avanzata”.

Una pletora di show mostra che questi modelli alimentari incoraggerebbero una sana funzione cellulare e scongiurerebbero l’obesità, il diabete e il cancro.

Il dottor Longo e la professoressa Rozalyn Anderson, un’esperta di invecchiamento dell’Università del Wisconsin, hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista Cell.

COME DOVREBBE ESSERE UNA DIETA EQUILIBRATA?

I pasti dovrebbero essere a base di patate, pane, riso, pasta o altri carboidrati amidacei, idealmente integrali, secondo il SSN

I pasti dovrebbero essere a base di patate, pane, riso, pasta o altri carboidrati amidacei, idealmente integrali, secondo il SSN

• Mangia almeno 5 porzioni di una varietà di frutta e verdura ogni giorno. Conta tutta la frutta e la verdura fresca, congelata, essiccata e in scatola

• Pasti a base di patate, pane, riso, pasta o altri carboidrati amidacei, idealmente integrali

• 30 grammi di fibre al giorno: equivale a mangiare tutto quanto segue: 5 porzioni di frutta e verdura, 2 biscotti integrali ai cereali, 2 fette spesse di pane integrale e una grossa patata al forno con la buccia

• Avere alcune various a base di latticini o latticini (come bevande alla soia) scegliendo opzioni a basso contenuto di grassi e meno zuccheri

• Mangia fagioli, legumi, pesce, uova, carne e altre proteine ​​(incluse 2 porzioni di pesce ogni settimana, una delle quali dovrebbe essere grassa)

• Scegli oli e creme spalmabili insaturi e consumane in piccole quantità

• Bere 6-8 tazze/bicchieri d’acqua al giorno

• Gli adulti dovrebbero avere meno di 6 g di sale e 20 g di grassi saturi per le donne o 30 g per gli uomini al giorno

Fonte: NHS Eatwell Information

Gli studi hanno riguardato diete popolari come la restrizione calorica e la dieta cheto ricca di grassi e povera di carboidrati.

I giornali hanno anche esaminato la dieta mediterranea favorita dalle celebrità, il vegetarianismo e il veganismo.

Sono stati inoltre esaminati diversi tipi di abitudini alimentari, incluso il digiuno intermittente, che è frequente ea breve termine.

I ricercatori hanno abbinato queste diete ai dati sulla durata della vita di coloro che le hanno seguite.

Una dieta ideale, secondo i loro risultati, comporterebbe il consumo di una quantità da moderata advert alta di carboidrati che costituisce circa la metà dell’apporto calorico giornaliero di una persona.

Incorporerebbe anche una quantità “bassa ma sufficiente” di proteine ​​principalmente da fonti vegetali, che costituiscono circa un decimo della dieta.

Un terzo di tutte le calorie dovrebbe provenire dai grassi vegetali.

E le persone che seguono la dieta mangerebbero solo piccole quantità di zucchero e cereali raffinati, hanno aggiunto.

La dieta della longevità vedrebbe anche le persone mangiare una giornata di cibo in una finestra da 11 a 12 ore.

E ogni tre o quattro mesi, le persone con un rischio più elevato di malattia digiunavano per cinque giorni.

I periodi di digiuno aumentano l’autofagia – il modo in cui il corpo elimina le cellule danneggiate – e la rigenerazione cellulare nei tessuti del corpo, hanno detto i ricercatori.

Ciò porta a una funzione metabolica potenziata, la velocità con cui il corpo brucia calorie.

E può ritardare l’immunosenescenza, la funzione immunitaria ridotta naturale che deriva dall’età.

“La regolamentazione di questa rete di pro-longevità può ritardare l’invecchiamento e ridurre i fattori di rischio e/o l’incidenza di malattie legate all’età, tra cui diabete, cancro, malattie cardiovascolari e neurodegenerative”, afferma lo studio.

I ricercatori hanno notato che la dieta della longevità è simile alle diete in stile mediterraneo, che sono in gran parte a base vegetale o pescataria.

Questi sono seguiti in luoghi “tremendous anziani” dove c’è un “numero elevato” di persone di età pari o superiore a 100 anni, come la Sardegna in Italia, Okinawa in Giappone e Loma Linda in California, ha affermato il workforce.

Tuttavia, la dieta della longevità è una “evoluzione” di queste diete limitando le ore di mangiare e raccomandando il digiuno.

Il workforce sta ora pianificando uno studio su 500 persone per studiare ulteriormente la dieta.

Il workforce ha osservato che la dieta non può essere raccomandata a tutti e dovrebbe tenere conto dell’età, dello stato di salute e della genetica, poiché gli over 65 potrebbero aver bisogno di più proteine ​​”per contrastare la fragilità e la perdita di massa corporea magra”.

Hanno consigliato alle persone di parlare con il proprio medico prima di apportare grandi modifiche alla dieta.

E la coppia ha affermato che le persone dovrebbero concentrarsi su “cambiamenti più piccoli che possono essere adottati per tutta la vita” piuttosto che su grandi cambiamenti che potrebbero avere effetti dannosi.

Il dottor Longo ha aggiunto: “La dieta della longevità non è una restrizione dietetica intesa solo a causare la perdita di peso, ma uno stile di vita incentrato sul rallentamento dell’invecchiamento, che può integrare l’assistenza sanitaria commonplace e, preso come misura preventiva, aiuterà a evitare la morbilità e a mantenere la salute in uno stadio avanzato età.’

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati