9 C
Italia
sabato, Febbraio 4, 2023

Royal Osteoporosis Society: quale cibo previene l’osteoporosi nelle donne

Una manciata di prugne al giorno potrebbe proteggere le donne anziane dall’osteoporosi, secondo una nuova ricerca.

Le prugne essiccate contengono sostanze chimiche che agiscono come prebiotici, alimenti vegetali che alimentano i batteri buoni.

Negli esperimenti, la perdita ossea è stata invertita dopo che i composti sono stati isolati e somministrati a topi femmine.

L’autrice principale, la professoressa Brenda Smith, dell’Università dell’Indiana, ha spiegato: “Sia la componente di carboidrati che i polifenoli all’interno delle prugne hanno alterato il microbiota intestinale ed erano associati advert effetti positivi sull’osso, vale a dire il ripristino dell’osso.

“Per definizione, i prebiotici sono substrati che alterano la composizione o l’attività del microbiota e conferiscono benefici alla salute dell’individuo”.

I risultati hanno implicazioni particolari per le donne. I livelli di ormone stimolante l’osso estrogeni diminuiscono dopo la menopausa. Le prugne possono aiutare a imitarlo.

Sono ricchi di antiossidanti che attenuano l’infiammazione e distruggono i radicali liberi dannosi.

Le persone con ossa fragili sono più soggette a fratture. La condizione colpisce tre milioni di adulti britannici, per lo più donne.

Ogni anno 300.000 persone subiscono una “frattura da fragilità” a causa di una caduta in piedi o meno.

Provocano dolore significativo, disabilità e perdita di indipendenza. Più di 1.000 persone muoiono a causa di loro – ogni mese.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che le prugne contengono estratti di polifenoli, composti vegetali che agiscono come antiossidanti e riducono l’infiammazione.

Promuovono livelli più bassi di stress ossidativo e infiammazione in un tipo di cellula ossea chiamata osteoclasti.

Aumentano anche i batteri buoni, effetti che sono stati in gran parte attribuiti ai polifenoli. Ma altri importanti nutrienti, come i carboidrati, erano stati trascurati.

Il crew statunitense ha somministrato polifenoli (PP) e composti di carboidrati a due gruppi di topi carenti di estrogeni con una sostanziale perdita ossea per cinque o dieci settimane.

Advert altri due set sono state assegnate prugne intere o un estratto grezzo con PP e carboidrati. Un altro non aveva componenti di prugne e fungeva da controllo. Tutte le diete erano comparabili in macronutrienti.

Tutte le diete a base di prugne hanno ripristinato l’osso che period stato precedentemente perso. Ci sono stati anche notevoli miglioramenti nei batteri intestinali dei roditori di laboratorio, in particolare quelli che rafforzano le ossa.

Suggerisce che le prugne contribuiscono a un migliore assorbimento dei minerali, alla funzione del sistema immunitario e all’integrità della barriera intestinale.

Questi possono influenzare gli ormoni, i metaboliti e le cellule immunitarie che svolgono un ruolo nella salute delle ossa.

È interessante notare che CHO ha mostrato la capacità di ripristinare l’osso precocemente mentre l’effetto di PP su è diventato evidente e più importante in seguito.

Il professor Smith ha affermato: “Anche se pensiamo che entrambi abbiano attività prebiotica, questi prebiotici probabilmente si verificano con meccanismi diversi”.

I risultati della rivista Vitamins sono un valido argomento per il consumo di prugne intere, ha affermato il professor Smith.

Ha aggiunto: “Stai ottenendo parte del beneficio dai carboidrati a breve termine e il beneficio a lungo termine dai polifenoli”.

Anche le vitamine, i minerali e i composti vegetali delle prugne possono contribuire ai benefici per le ossa e l’intestino.

Ci avvicina alla comprensione degli attributi unici delle prugne, sottolineando l’importanza di mangiare il frutto nella sua interezza.

Diversi studi recenti o attuali stanno esplorando ulteriormente i benefici del “superfood” su numerous condizioni di salute.

Ulteriori studi studieranno la relazione tra il consumo di prugne e l’infiammazione nelle donne in postmenopausa, l’osteoporosi nei topi e la soppressione del cancro intestinale nei ratti.

Ci si aspetta che si basino sul corpo di show esistente che indica le prugne come cibo di supporto per le ossa e l’intestino.

La parte dello studio finanziata dal California Dryed Plum Board. All’inizio di quest’anno un altro crew statunitense ha scoperto che gli ultracinquantenni che facevano regolarmente spuntini con le prugne avevano meno probabilità di sviluppare l’osteoporosi.

Contenendo meno di 100 calorie per porzione, sono un frutto denso di nutrienti che racchiude un potente pugno.

Contengono anche boro, potassio, rame e un cocktail di composti vegetali sani che fanno bene alle ossa.

Sono salutati come un “superfood” per rallentare l’invecchiamento e combattere la carenza di ferro, il diabete e le malattie cardiache.

Fonte

ULTIME NOTIZIE
Articoli Correlati